Iran, il giallo dei fisici nucleari ucciso uno scienziato davanti a casa

Ancora uno scienziato nucleare ucciso a Teheran in un attentato, secondo modalità  già  sperimentate in passato: due uomini in motocicletta che sparano a distanza ravvicinata sulla vittima, mentre esce di casa in compagnia della moglie e poi scompaiono nel nulla. Il fisico nucleare si chiamava Dariush Rezaie e aveva 35 anni. Secondo l’agenzia Isna lavorava al Centro di fisica nucleare (un tempo diretto dall’attuale ministro degli Esteri Salehi) e insegnava in una Università  di Teheran. Il vice ministro dell’Interno Baratlou ha detto però che i suoi collegamenti di lavoro non sono stati ancora accertati. Anche la moglie è rimasta gravemente ferita. Le indagini sono in corso e nessun presunto colpevole è stato finora arrestato, ha detto Baratlou.
La professione di scienziato atomico è tra le più pericolose a Teheran. L’anno scorso altri due fisici nucleari avevano fatto la stessa fine di Rezaie; uno, Fereydoon Abbasi-Davani (oggi a capo dell’Organizzazione per l’energia atomica) era stato ferito; e altri ancora erano precedentemente scomparsi (alcuni poi ricomparsi) senza che si sia mai saputo se fossero stati rapiti o fuggiti di loro volontà . Le autorità  di Teheran hanno sempre accusato la Cia e il Mossad, attribuendo attentati e rapimenti a “mercenari” al soldo degli Usa o d’Israele, ma in alcuni casi, in particolare quello di Masud Ali Mohammadi, ucciso da un ordigno nel gennaio 2010, alcuni suoi amici riferirono che lo scienziato era vicino all’opposizione e non si occupava direttamente di nucleare. Negli ultimi mesi diverse persone sono state arrestate sotto l’accusa di essere “spie nucleari”, e il governo ha ammonito i cittadini a non dare informazioni che potrebbero venire usate dai servizi d’intelligence stranieri.
Il confronto tra l’Iran, che vuole continuare ad arricchire l’uranio e lasciarsi così aperta la possibilità  di costruire la bomba atomica, e l’Occidente, che avrebbe già  le prove di come Teheran miri ad avere la “bomba nel cassetto”, ovvero il know how necessario per fabbricarne una in tempi rapidi, è in costante accelerazione. La Repubblica islamica non perde nessuna occasione per lanciare provocazioni: ha appena annunciato che metterà  in funzione nuove e molto più potenti centrifughe e che la produzione di uranio verrà  trasferita da Natanz in un molto più inaccessibile bunker vicino a Qom, Fordo. L’anno scorso le centrifughe di Natanz erano state mandate in tilt per almeno un giorno e sensibilmente rallentate da un virus, lo Stuxnet, che secondo la società  americana Symantec era stato creato a quello scopo. Il settimanale Spiegel ha rivelato che in Iran opererebbe da marzo un centro nucleare clandestino, ai cui vertici vi sarebbero un fedelissimo di Ahmadinejad e un ufficiale dei pasdaran e che vi sarebbero già  stati eseguiti con successo alcuni test, tra cui quelli relativi al meccanismo di accensione di una bomba.


Related Articles

Thailandia, se questa è democrazia

Il primo ministro Abhisit Vejjajiva

Nel Paese si andrà  a elezioni il 3 luglio. Ma l’ombra dell’esercito si allunga sempre più. E il voto non promette di risolvere le tensioni politiche

Sarebbe il caso di inventare l’equivalente thailandese di “Scurdammoce o’ passato”, in vista delle elezioni appena annunciate per il 3 luglio nel Paese. Andare avanti, riconciliarsi, siamo tutti thailandesi: è questo il messaggio che passa il premier Abhisit Vejjajiva, sottointendendo che il ricordo da cancellare sia quello relativo ai 91 morti e 1.800 feriti della protesta delle “camicie rosse” repressa militarmente un anno fa. Il problema è che, se da una parte quel sangue sembra davvero lontano, le cause che portarono alla battaglia per Bangkok non sono affatto state affrontate. E continuare a nasconderle sotto il tappeto potrebbe portare a ben di peggio nei prossimi mesi o anni.

Bill Clinton: «Senza default vincono tutti Ma Barack poteva tirare dritto»

 Per alzare il tetto del debito pubblico ed evitare il default, senza un accordo con il Congresso, Bill Clinton si appellerebbe alla cosiddetta opzione costituzionale «senza esitazione, e sfiderei i giudici a fermarmi» .

North Stream 2. Donald Trump dichiara guerra all’Europa e spara sanzioni

Il presidente Usa, sotto impeachment, vuole mostrare che tiene sotto tiro Putin e vara lo SpaceCom con i toni belligeranti del pistolero spaziale

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment