“Né più, né meno: la scuola Pisacane”, il docufilm che spazza via gli stereotipi

ROMA – Sono romani i vincitori per la sezione “Approdo e speranze” del “LampedusaInFestival 2011 – L’incontro con l’altro, festival delle migrazioni e del recupero della storia orale”, che si è concluso sabato scorso. Con il docufilm “Né più, né meno: la scuola Pisacane”, Lucio Arisci e Federico Betta conquistano il pubblico e la critica: Roma, la sua multietnica periferia e la scuola come laboratorio di eccellenza della città  che verrà  rimandano ad un racconto che va oltre il sensazionalismo televisivo e guarda solo alla realtà . Un’intervista doppia ripercorre quei momenti: il girato è del giugno 2009 e la scuola Carlo Pisacane di Torpignattara a Roma era, ed è ancora, al centro di polemiche politiche e culturali in merito all’alta concentrazione scolastica di “nuovi italiani” tra gli alunni. Scuola elementare di periferia, la Pisacane conquista le prime pagine dei quotidiani e i titoli dei Tg: si parla di scuola “ghetto” perché la percentuale di scolari di origine non italiana è oltre il 90%. Si chiede al Ministro dell’Istruzione di intervenire perché in quelle classi è impossibile studiare e le mamme italiane non iscrivono più i loro figli. Polemica giusta e problema reale o ennesimo esempio di disinformazione che alimenta il pregiudizio?

In che condizioni avete girato e cosa vi siete portati a casa di quell’esperienza?
“Abbiamo girato nel giugno del 2009 a fine anno. In seguito all’assedio subito da giornali e telegiornali, il personale docente e la Preside erano molto dubbiose e guardinghe, ma alla fine si sono fidate e ci hanno regalato pensieri, emozioni e l’orgoglio di fare bene il proprio lavoro. Crediamo di essere stati all’altezza della fiducia riposta nella nostra professionalità ”.

La storia: potevate metterla sulla difficoltà  di integrazione. Invece, il docufilm emana speranza: qual è la formula vincente per alleggerire un argomento complesso come il fenomeno migratorio nelle grandi città  e il conflitto sociale che forse inevitabilmente ne deriva?
“Non sappiamo dire se siamo riusciti ad alleggerire il tema. Quello che volevamo era scoprire quanto di vero c’era nelle polemiche e nelle proteste di chi parlava di una ‘scuola ghetto’. E’ bastato lasciarsi attraversare senza pregiudizi da quello che si vedeva e da quello che ci hanno raccontato tante mamme per capire che i mass media non hanno saputo né voluto ascoltare perché erano interessati solo a ‘portare a casa un pezzo’ che alimentasse una polemica politica senza sostanza fatta solo di titoloni”. 

Torpignattara è uno dei quartieri di periferia più “romano” in assoluto: nell’ultimo decennio ha però “cambiato colore”. Cos’altro è cambiato, se è cambiato qualcosa?
“I vecchi abitanti del quartiere dove vivo (Lucio Arisci, ndr) mi hanno raccontato che nel quartiere fino agli anni ‘80 si sparava per strada, spacciatori e ladri erano di casa fino a quando tanta popolazione è stata sostituita dagli immigrati (soprattutto bangladeshi, cinesi e rumeni) e oggi si vive in un quartiere tranquillo. Quando facevo notare che forse questo cambiamento era dovuto all’arrivo degli immigrati molti anziani mi dicevano: sì, forse “questi” sono più tranquilli, “però”… Dietro quel però un pregiudizio tenace, ahimè difficile da estirpare”.

Chi vi sentite di ringraziare e quale sarà  il vostro prossimo passo?
Ringraziamo tutto il personale della scuola, i genitori e in maniera speciale il professor Francesco Pompeo. La sua intervista ci ha permesso di dare al film la sostanza e lo spessore di un docente di antropologia culturale che studia un fenomeno nel tempo, si fa delle domande e trova delle risposte. Il prossimo passo invece sono nuove produzioni per Videoidee.org, la nostra associazione. Magari un bel film sull’occupazione – l’esempio è il teatro Valle di Roma – come forma di lotta illegale ma necessaria. Anzi, approfittiamo: se qualcuno è disposto a produrci, noi stiamo già  studiando”. 

Prodotto dall’associazione culturale Videoidee nel 2011, per la durata di 10 minuti, “Né più, né meno: la scuola Pisacane” è un film di Lucio Arisci Federico Betta. Info su http://www.videoidee.org/. (eb)

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

I ricatti di Erdogan e il contagio della vergogna

Erdogan ricatta gli europei minacciando ondate di profughi e non è detto che non lo possa fare anche in Libia dove tiene per il bavero il governo di Tripoli, sotto attacco del generale Khalifa Haftar, alleato dei russi

Il piano europeo per non far partire i migranti

La Commissione Ue propone iniziative di sviluppo nei Paesi d’origine in cambio del blocco dei flussi. Ma per l’opposizione dei premier non si è ancora riusciti a trovare i 60 miliardi per la fase iniziale

Angelo Del Boca: «Il costo umano dell’accordo del Viminale con la Libia»

Intervista/Libia. Angelo Del Boca, storico del colonialismo italiano ed esperto di Libia: «Li armiamo per fermare i migranti su un confine di 5mila km. Nella Libia del sud la “riconciliazione” garantita dall’Italia è assai fragile, a Tripoli il premier Sarraj vive sotto assedio»

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment