NO TAV. «Donna investita da autoblindo Cc»

Le cronache raccontano che il mezzo – diretto verso il cantiere della Maddalena, denunciano i no Tav – si era fermato per fare rifornimento, poi era ripartito e solo quando si è fermato a un semaforo dallo specchietto retrovisore ha visto un corpo accasciato a terra. «Questi mezzi corazzati usati a Chiomonte sono mezzi da guerra dati in mano a dei criminali. Come a Genova ancora una volta l’arroganza e la guerra uccidono sotto gli pneumatici dei mezzi dei carabinieri. Fino a quando ancora? Questa morte è responsabilità  della lobby si tav», si legge su notav.info. di certo la militarizzazione della Valle per avviare a tutti i costi il cantiere non renderà  più sicuro un posto dove abitano centinaia di famiglie. Anzi, ne stravolgerà  il profilo prima ancora dell’arrivo dell’Alta velocità . Intanto crescono le adesioni per la manifestazione nazionale di domenica a Chiomonte. mentre ieri il governatore della regione Piemonte Cota si è recato a Bruxelles per assicurare che la Tav si farà : «Sono sempre di meno i contrari, e continueranno a scendere».


Related Articles

Dopo Google e Amazon, anche Apple lancia la memoria esterna

La musica va sulla Nuvola i brani nel “parcheggio” virtuale. Canzoni, fotografie, video, documenti non sono più nel nostro hard disk, ma dentro archivi “in remoto”. La Borsa però è delusa…

A Liberty Park funziona così

Occupy Wall Street. I media siamo noi. Con internet e video, un esempio di citizen journalism Come cresce e si organizza il movimento. Tutto è iniziato dall’appello della rivista «Adbusters». Poi la protesta davanti alla Borsa di New York, la repressione della polizia, l’occupazione del parco Le assemblee sono orizzontali, autonome e senza leader, basate sul consenso

L’affaire della nave “Altalena” ferisce i padri della patria Ben Gurion e Rabin sotto accusa

Il battello con a bordo miliziani di destra dell’Irgun fu affondato nel giugno ’48 dall’esercito regolare “Un assassinio”, per la Difesa del governo Netanyahu. Ma il ministro Barak s’infuria e il paese si divide. L’ex leader del Partito laburista ha definito il comunicato un grave errore storico   

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment