Unicef: al via campagne di vaccinazione nel Corno d’Africa

La campagna rientra in un’azione regionale per garantire che tutti i bambini nelle zone colpite dalla siccita’ siano vaccinati contro il morbillo – una malattia che puo’ essere mortale per i bambini malnutriti – e la polio.

Gia’ la scorsa settimana, una campagna di vaccinazione e’ iniziata nel Sud della Somalia, dove la copertura vaccinale e’ di appena il 26%, uno dei tassi piu’ bassi al mondo. A partire dallo scorso giovedi’ e continuando fino a domani saranno raggiunti 40.000 i bambini sotto i cinque anni e 46.000 donne, in otto distretti di Mogadiscio inclusi i campi sovraffollati di profughi interni. Nella regione di Gedo, stanno per essere avviate le vaccinazioni contro il morbillo e il tetano, associate alla distribuzione di vitamina A e di farmaci contro i parassiti intestinali destinati a 6 distretti in cui vivono 55.000 bambini sotto i cinque anni e 72.580 donne in eta’ fertile.

L’accesso a queste aree e’ garantito e l’Unicef, in collaborazione con l’Oms, spera di espandere la campagna nelle regioni del Galgaduud, del grande Benadir, Baia, Bakool, Hiran, bassa Shabelle e la Jubas nel prossimo mese. Il piano e’ quello di diffondere la copertura dal morbillo a tutti i bambini da 0 a 15 anni, raggiungendo cosi’ un totale di 2,5 milioni di bambini. Nella Somalia centrale e meridionale, i casi di morbillo sono stati confermati a Mogadiscio, cosi’ come casi di diarrea acuta a Mogadiscio, Afgoye, Baidoa, e nelle regioni della bassa Shabelle. Con cosi’ tante donne e bambini in movimento, che con l’attraversamento delle frontiere diventano sfollati, la sfida e’ raggiungere tutti i bambini, compresi i piu’ grandicelli, per prevenire nuovi focolai di malattia. In molte aree delle zone piu’ colpite, i partner locali sono gia’ impegnati al massimo per far fronte al gran numero di persone che hanno bisogno di aiuto e servizi di base.

“Questa e’ una crisi della sopravvivenza dei bambini”, ha detto Elhadj As Sy, direttore regionale dell’Unicef per Africa orientale e meridionale. “I bambini non muoiono solo perche’ non hanno cibo a sufficienza. In vari stadi di malnutrizione, sono piu’ inclini alle malattie. La sfida aumenta con il peggiorare dello stadio di malnutrizione e il pericolo per i bambini sale sempre di piu'”. La campagna vaccinale nel Nord del Kenya, che inizia oggi, continuera’ fino a venerdi’ e raggiungera’ i bambini in Garissa, Fafi, Lagdera e Wajir meridionale. La popolazione target e’ di 202. 665 bambini sotto i cinque anni, che riceveranno il vaccino contro il morbillo e vaccini antipolio per via orale, il trattamento contro i parassiti intestinali e la vitamina A. Il piano e’ quello di raggiungere anche i rifugiati nei campi di Dadaab ai primi di agosto. L’Unicef ha fornito i vaccini contro il morbillo e l’antipolio insieme alle vitamine e agli antielmintici; sostiene anche la mobilitazione sociale delle comunita’ per assicurarsi che le persone siano informate dell’importanza di sottoporsi alla vaccinazione. Il morbillo, una malattia altamente contagiosa, rappresenta una seria minaccia in quanto puo’ diffondersi rapidamente in condizioni di sovraffollamento ed igiene precaria, ed e’ letale per i soggetti indeboliti dalla malnutrizione. Il morbillo riduce la resistenza di un bambino alla malattia e lo espone maggiormente al rischio di decesso quando e’ malnutrito e soffre di altre malattie. La vitamina A viene somministrata durante le emergenze per aumentare le difese immunitarie e la probabilita’ di sopravvivere in condizioni di vita disagiate.

Un bambino carente di vitamina A e’ esposto ad un rischio maggiore del 25% di morire per morbillo, malaria o diarrea. L’Unicef stima che avra’ bisogno di 300 milioni dollari nei prossimi sei mesi per sostenere le massicce operazioni umanitarie destinate ai bambini nelle zone colpite dalla siccita’ nel Corno d’Africa. L’attenzione si concentra sulla fornitura di interventi integrati che affrontino diversi aspetti della sopravvivenza e dello sviluppo di un bambino compresa la fornitura di servizi sanitari e la vaccinazione. (DIRE)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Il Messico risponde agli USA, dazi commerciali su acciaio e prodotti agricoli

Scontro Usa-Messico. Sempre più in crisi la relazione tra i due paesi. Colpiti gli stato in mano ai repubblicani

Tsunami finanziario Borse in picchiata dall’Asia agli Stati Uniti in Europa perdite del 6%

Tutti i principali mercati finanziari sono crollati a causa della crisi cinese. Le vendite sono partite in Asia per arrivare fino agli Stati Uniti

Grande distribuzione in crisi diminuiscono i megastore

MILANO – La crisi colpisce anche la grande distribuzione e spinge i consumatori a cambiare abitudini. Sebbene di poco, è calato in Italia il numero dei punti vendita, passati da 29.482 nel 2010 ai 29.011 di oggi. In particolare, si è fermata la crescita degli iper, punti vendita con una superficie superiore ai 4.500 mq, che passano da una percentuale del 19% del 2001 al 19,5% attuale; mentre crescono i medi (quelli tra i 1.500 e i 4.500 mq) che nello stesso decennio passano dal 20,5% al 27,3%.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment