Boom di case in comune e nuda proprietà  giovani e anziani si difendono dalla crisi

Loading

ROMA – Il caro affitti ha una soluzione: la condivisione della casa. Non è più un fenomeno studentesco, ma nelle grandi città  sta diventando quasi un obbligo per i giovani dai redditi più bassi. È uno dei tanti segnali della crisi così come lo è l’impennata delle vendite di nude proprietà  che consentono a i più anziani di avere un po’ di liquidità  per affrontare una vecchiaia più serena.
L’affitto in coabitazione si è ormai esteso tra gli under 35. Un’indagine di idealista.it ci dice che nell’ultimo anno, le richieste di stanze da affittare con altri inquilini sono aumentate del 327%, mentre l’offerta fa registrare un incremento dell’85%. «L’affitto in condivisione – spiega Vincenzo De Tommaso, responsabile ufficio studi di idealista.it – è divenuta l’unica strada da percorrere per molti giovani che vogliono lasciare la casa dei propri genitori».
A Milano, la richiesta media per una stanza è di 442 euro al mese con punte di 800 euro nelle zone più ambite e nel centro storico. Segue Roma con 404 euro mensili, fino ad un massimo di 700 euro per una singola nelle zone centrali. Affitti sopra la media dei 284 euro per Firenze (336 euro), Bologna (307 euro) e Torino (301 euro). Palermo risulterebbe la città  dove l’affitto di una camera costa meno: 179 euro al mese.
Se i giovani risparmiano con la coabitazione gli anziani proprietari di case cercano di monetizzare il loro immobile. L’ufficio studi di Ubh segnala per il 2010 un incremento medio del 6% delle vendite di nuda proprietà  nelle 10 grandi città  dove si concentra il 30% di questi affari. Trend che dovrebbe continuare anche per quest’anno: secondo stime di Scenari Immobiliari, questo tipo di operazioni immobiliari dovrebbe aumentare fra i 4% il 7%.
«L’aumento di queste compravendite – spiega Mario Breglia, presidente di Scenari Immobiliari – è l’effetto combinato sia della domanda di risparmiatori che vogliono investire il proprio capitale acquistando un appartamento ad un prezzo decisamente inferiore rispetto al valore di mercato e all’offerta di proprietari anziani che il calo delle pensioni medie spinge a trovare forme di integrazione al loro reddito». Con questa operazione, infatti, un proprietario immobiliare decide di monetizzare il proprio bene “spogliandosi” della sua proprietà  ma continuando a mantenere il diritto di goderne (l’usufrutto). «Con questa compravendita – spiega Alessandro Ghisolfi, responsabile ufficio studi di Ubh – l’acquirente fa una specie di scommessa finanziaria che risulterà  più interessante quanto più breve sarà  la durata del diritto di usufrutto».


Related Articles

Clima. Europa, nucleare e gas non entrano tra le energie rinnovabili

Loading

Il Consiglio europeo non ha trovato l’accordo sull’energia, né sull’inserimento delle energie rinnovabili tra le fonti rinnovabili – una forzatura senza alcun fondamento scientifico -, né su come fronteggiare l’aumento speculativo del prezzo del gas e di altre fonti fossili

Nigeria. La Shell battuta in tribunale, il settore petrolifero agita la regione del Delta

Loading

Africa fossile. Una corte di Abuja revoca i diritti sul blocco Oml 11 della compagnia anglo-olandese per i prossimi vent’anni. E il presidente Buhari esulta per la nuova legge, che però non piace alle comunità residenti nelle zone di estrazione: la redistribuzione locale del 3% dei proventi non basta

Se quattro centimetri di Tav costano come un anno di pensione

Loading


Cinquemila euro a centimetro. Ecco il costo per i chilometri di Tav che l’Italia dovrà  costruire. Un’opera imponente, di cui si discute da vent’anni e che, periodicamente, torna di moda su giornali e tv per gli scontri tra manifestanti e forze dell’ordine in Val di Susa, senza mai, o quasi, che qualcuno si interroghi sulle spese o sull’effettiva necessità  di una cosa del genere. Il costo complessivo dell’impresa, stimato sulla base di quanto abbiamo speso per le altre linee ad alta velocità  realizzate nel Belpaese, dovrebbe aggirarsi sui 40 miliardi di euro. Ed è comunque una stima al ribasso: in un dossier presentato all’Ue nel 2006, il preventivo era di 17 miliardi, soltanto quattro anni dopo, un altro dossier raddoppiava le cifre: 35 miliardi.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment