Dal Libano alle rivolte arabe in prima linea nelle zone di guerra

I quattro giornalisti italiani rapiti ieri in LIbia hanno tutti una notevole esperienza professionale.
Elisabetta Rosaspina, 53 anni, milanese, ha da poco concluso il suo periodo di corrispondente da Madrid per il Corriere della Sera ed è tornata nella redazione di via Solferino con la qualifica di inviata, che aveva già  coperto in passato seguendo, fra gli altri avvenimenti, la guerra in Libano, il conflitto palestinese e la strage di Beslan in Russia.
Giuseppe Sarcina, 49 anni, anche lui milanese, nel suo percorso di lavoro si è occupato principalmente di economia, sempre per il Corriere della Sera, ed è stato anche responsabile dell’inserto Corriere Economia. Ha coperto per molti anni come corrispondente la sede di Bruxelles e ha cominciato a lavorare come inviato quest’anno, seguendo l’inizio della “primavera araba” segnato dalla rivolta tunisina.
Claudio Monici, 53 anni, inviato del quotidiano della Cei L’Avvenire, ha seguito moltissimi avvenimenti internazionali, soprattutto in zone di guerra e del Terzo mondo, tanto da far dire ai colleghi del quotidiano che hanno ricevuto la telefonata, ieri, che lui è abituato a trovarsi in situazioni analoghe. In questi mesi aveva già  seguito la crisi libica lavorando vicino al confine tunisino. Era partito dall’Italia lunedì scorso per raggiungere via Tunisi la città  di Zawiya.
Quella di Domenico Quirico, infine, è una firma autorevole de La Stampa di Torino. Sessantenne, è stato prima caposervizio agli esteri e poi inviato. Fra le sue aree di interesse ci sono l’Africa, la Russia e l’Asia Centrale. È stato anche corrispondente da Parigi. A lui La Stampa ha assegnato il premio Igor Man, per il suo reportage da inviato, lo scorso marzo, su uno dei barconi degli immigrati partiti dalla Tunisia e arrivati a Lampedusa. Ed è stato lui a descrivere, nel reportage pubblicato ieri dal suo giornale, il tragitto che stava percorrendo diretto verso Tripoli con tutte le sue difficoltà  e incognite.


Related Articles

Khalida Jarrar: «Donne in lotta contro l’occupazione e per i loro diritti»

Intervista alla parlamentare del Fplp Khalida Jarrar: non basta la battaglia contro l’oppressione israeliana, la sinistra palestinese deve tornare ad essere sinistra nella società

Corsica, addio alle armi dei separatisti

L’annuncio a sorpresa del Fronte di liberazione nazionale: “Basta con le bombe”. Dal ’75 oltre 10 mila attentati Cautela del governo francese: “Prendiamo atto”. La svolta dopo la “crisi delle vocazioni” tra i giovani militanti

I nuovi scenari di guerre, pace e terrorismo in Africa

Gli attacchi sono aumentati del 300% dal 2010 al 2017, colpendo anche Paesi refrattari al terrore come il Burkina Faso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment