Maya e Enel, tentativo di dialogo

Loading

È l’ultimo passo di un dialogo per la verità  molto difficile – ma pur sempre un dialogo, ed è certo meglio delle scorribande di centinaia di agenti di polizia tra i villaggi indigeni avvenute tra gennaio e marzo di quest’anno…
Ricapitoliamo. Oggetto del contendere è la centrale idroelettrica di Palo Viejo, nel bacino del fiume Cotzal, che l’Enel ha cominciato a costruire nel 2008. L’opera era stata autorizzata un anno prima dal governo guatemalteco, non c’è che dire, e l’azienda italiana ha acquistato i terreni interessati dal proprietario di una grande tenuta, la Finca San Francisco. C’è solo un dettaglio: l’azienda, e le autorità  governative, hanno violato il diritto delle comunità  locali a essere informate e consultate. Anzi, le hanno del tutto ignorate. Così queste hanno cominciato a obiettare, presentare documenti, tenere marce di protesta, chiedere di incontrare le autorità  e l’azienda. Dapprima, le autorità  e l’Enel li hanno trattati come pochi facinorosi: la municipalità  aveva già  dato il suo accordo, l’Enel aveva già  avviato piccoli interventi sociali (solo nelle comunità  che accettavano di sottoscrivere il progetto). Molti leader di comunità  sono stati denunciati.
Il massimo della tensione è stato toccato nei primi mesi dell’anno, quando tre comunità  locali hanno deciso di bloccare le strade per protesta e per tre volte il governo ha mandato centinaia di poliziotti in tenuta antisommossa e volti coperti dai passamontagna a presidiare i villaggi «ribelli» (terraterra ne ha riferito il 29 marzo e il 26 maggio): scena che ricorda fin troppo bene gli anni della guerra civile degli anni ’80, quando con la scusa di “combattere il terrorismo” l’esercito seminava esecuzioni di massa, torture, stupri nei villaggi indigeni del Quiché: le comunità  di Cotzal ricordano 114 massacri, prima degli accordi di pace del 1996.
Alla fine, tacciare gli oppositori di facinorosi non deve aver funzionato, perché un dialogo ha preso il via (ma ancora il primo incontro, il 2 maggio scorso, è stato “sorvegliato” da 700 poliziotti in tenuta antisommossa). Il 7 maggio, il rappresentante dell’azienda e quelli delle comunità  maya-ixil hanno sottoscritto un reciproco riconoscimento: l’Enel «riconosce e rispetta le autorità  ancestrali come rappresentanti legittimi delle comunità  indigene», mentre queste «riconoscono che Enel Guatemala è una società  legalmente stabilita nel paese». Si parla della Costituzione del Guatemala, della Convenzione 169 dell’organizzazione internazionale del lavoro: in fondo, le comunità  maya non fanno che appellarsi al diritto riconosciuto. E non chiedono nulla di sovversivo: «Trovare un equilibrio tra i profitti dell’impresa Enel e i diritti a una degna esistenza delle comunità », dice il documento delle “municipalità  indigene e autorità  ancestrali” di Chajul, Cotzal e Nebaj, le tre comunità  native della zona.
Ora entrano nel merito. Quale beneficio trarranno le comunità  indigene di Cotzal dallo sfruttamento delle loro montagne, foreste, fiumi nei cinquant’anni di attività  prevista della centrale idroelettrica dell’Enel? L’azienda investe parecchi soldi, «ma senza le nostre montagne, boschi e fiumi non ci faranno energia elettrica», rivendicano: «Chiediamo il diritto ad amministrare il 20% dell’energia elettrica prodotta». Chiedono inoltre un indennizzo di 8 milioni di quetzales annui nei primi vent’anni, per i danni causati dall’opera. Come in ogni trattativa, ora sta all’Enel rispondere. Sperando che nessuno voglia tornare al metodo delle scorribande militari.


Related Articles

«Tagliamo interventi inutili»

Loading

Sonia Ribera, medico ematologo all’ospedale Niguarda di Milano, uno dei più grandi d’Italia, è segretario della Cgil medici Lombardia. Non si impressiona per i numeri del Censis – «bisogna contestualizzarli, altrimenti dicono poco» – e ha le idee chiare su come si possano reperire risorse per aumentare la capacità  di cura della sanità  pubblica.

La benzina a 1,645 euro inaugura i rincari dell’Iva

Loading

Zara, Benetton e Crai non scaricano la manovra sui prezzi.  La Cgia di Mestre: l’aumento costerà  92 euro l’anno per ogni famiglia italiana 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment