Pensioni, pernacchia di Bossi a Alfano “Non prenderai lì i soldi per i Comuni”

CAPRIATE D’ORBA -«Alfano è un bravo ragazzo, però… prrrr». Con l’ormai classica pernacchia Umberto Bossi respinge l’offerta del segretario del Pdl Angelino Alfano di un intervento sulle pensioni in cambio di minori tagli a comuni e regioni. Il leader della Lega, tra le ovazioni della folla accorsa a Capriate d’Orba nell’alessandrino, spiega anche il perché del suo niet: «Non taglio le pensioni alla povera gente, gli enti locali se la caveranno e con un po’ di rumore e il governo troverà  i soldi per loro. Se portiamo via ai poveracci quel poco di pensione che hanno, la Bce e la Banca d’Italia gli impediranno di recuperarlo». Il Senatùr difende invece quanto fatto sui costi della politica: «Abbiamo ridotto gli stipendi dei parlamentari e il numero delle auto blu e anche la loro cilindrata. Se uno vuole andare forte si compri la Ferrari, ma con i suoi soldi. Io ho l’Audi, ma l’ho comprata con i miei soldi».
Non è però certo questa considerazione che farà  sbloccare il braccio di ferro tra Pdl e Lega, con il decreto da 45 miliardi pronto a sbarcare in commissione al Senato. Tutti vogliono mettere mano al testo varato lo scorso 13 agosto. E su tutti peseranno le parole del presidente Giorgio Napolitano, che ha chiesto un confronto costruttivo e senza strumentalizzazioni.
Scontri e confronti in arrivo. Si parte oggi proprio con la Lega. In via Bellerio, a Milano, il partito di Bossi riunisce la segreteria politica dalla quale usciranno le ricette padane per la manovra. Per compensare i tagli agli enti locali Calderoli annuncia che proporrà  «una patrimoniale sui patrimoni di lusso per far pagare chi fino ad oggi non lo ha fatto». Lo scontro con il Pdl è inevitabile. Non solo perché mezzo partito di patrimoniale non ne vuole sapere, ma soprattutto punta sulle pensioni. Contro la scure sulla previdenza si schierano anche la segretaria della Cgil, Susanna Camusso e e la presidente del Pd Rosi Bindi. Con la stessa argomentazione: non si mette mano alle pensioni per fare cassa.
Alfano intanto ha indicato in una intervista alla Stampa i temi sui quali è pronto a migliorare la manovra (senza cambiare i saldi). Come la Lega vuole rivedere i tagli agli enti locali, indica la possibilità  di legare l’Eurotassa al quoziente familiare (per attrarre l’Udc) e apre alla possibilità  di alzare l’Iva. Ma prima Alfano dovrà  mettere d’accordo le diverse correnti del suo partito. Domani vedrà  i “frondisti”, il gruppo ultra-liberale guidato da Crosetto e Stracquadanio e ispirato da Antonio Martino. Mercoledì incontrerà  al Senato i direttivi e i capigruppo del Pdl e gli azzurri in commissione Bilancio. Poi il vertice con comuni e province.
Anche l’opposizione è al lavoro. Questa sera Bersani riunisce gli esperti economici del Pd per mettere nero su bianco le proposte democratiche: si va dalla ritassazione dei capitali scudati alla tracciabilità  per le somme superiori ai mille euro. Ma ci sarà  anche la richiesta di ripristinare il reato di falso in bilancio cancellato da Berlusconi. E uno dei cavalli di battaglia del Pd sarà  anche la richiesta di mettere all’asta le nuove frequenze (sei) per la tv digitale. Incasso possibile: tre miliardi, contro lo zero spaccato del “beauty contest” voluto dal governo che regalerebbe le frequenze ai soliti noti. Con il Pd scendono in campo anche Idv, Fli e Udc. L’opposizione, insomma.


Related Articles

Sconti fiscali, taglio di un miliardo tra istruzione, asili nido e veterinari

Oggi la delega col fondo taglia-tasse. Carbon tax sulle imprese   Il viceministro Grilli: “Almeno per ora non toccheremo le aliquote Irpef”

Lo strappo del FMI, la Grecia in bilico

I tecnici del Fmi: non ci sono stati progressi sulle divergenze. Tusk: basta con il gioco d’azzardo La questione all’Eurogruppo convocato per il 18 giugno. Allarme Bundesbank: rischio insolvenza

Unicredit, muro dei soci storici “Sì alla Libia ma non oltre il 5%”

Fondazioni e tedeschi compatti. Biasi: su Bluterma tutto lecito.  Rampl chiederà  pareri legali sulla Banca di Tripoli e su Lia, considerati un soggetto unico 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment