Statali, resta l’eurotassa. E senza deduzioni

ROMA – Si richiude lo spiraglio per statali e pensionati di pagare un contributo di solidarietà  meno salato. Quei dipendenti pubblici e pensionati che guadagnano oltre i 90mila euro lordi, categoria in cui rientrano magistrati, medici, dirigenti. E i cosiddetti “pensionati d’oro”. Queste categorie già  versano il contributo di solidarietà  del 5% sulla parte eccedente i 90mila euro di reddito e il 10% se il reddito è oltre i 150mila euro, per effetto del decreto legge 78 del 2010, relativo solo agli statali. Una cifra che si paga per intero senza deduzioni né agevolazioni.
Uno spiraglio sulla possibilità  di pagare un po’ di meno si era aperto con l’introduzione nella manovra bis dell’articolo 2 comma 2: sei righe che prevedevano il contributo di solidarietà  anche nel settore privato ma con la possibilità  di dedurlo dalla dichiarazione dei redditi, novità , che, in virtù del coordinamento con la norma del 2010, avrebbe esteso la deducibilità  anche al pubblico. L’imperfetto è d’obbligo perché ora quel comma è stato stralciato e con esso, oltre a lasciare in piedi la disparità  di trattamento tra statali e privati, sfuma anche la prospettiva per i dipendenti pubblici di pagare qualcosa in meno. «Sono due cose diverse» dice il pidiellino Antonio Azzollini, relatore e presidente della commissione Bilancio del Senato, «il comma cade e quindi si torna alla norma che c’era prima, quella del 2010. Non c’è mai stata deducibilità  per gli statali. Il comma che è stato stralciato si riferiva solo al settore privato».
Immediata la reazione dei sindacati del pubblico impiego, che sono già  sul piede di guerra. I magistrati in primis che hanno riportato in primo piano la questione di incostituzionalità  della norma «in violazione dei principi di eguaglianza e di progressività  del sistema fiscale» fanno sapere dal Comitato di coordinamento fra le magistrature. Con questo comma il governo si sarebbe in qualche modo messo al riparo dai ricorsi sulla legge del 2010, norma «dal profilo incostituzionale perché attua un meccanismo fiscale che colpisce i lavoratori non in base al reddito ma in base alla categoria di appartenenza» dice Michele Gentile, responsabile del dipartimento settori pubblici della Cgil. «Non solo, così si cancella anche la possibilità  per lo statale di dedurre il contributo dall’Irpef. Così si continua a penalizzare il mercato del lavoro, quello pubblico in particolare». Anche per questo motivo il 6 settembre, i lavoratori scenderanno in piazza e la Cgil farà  fronte comune anche con Cisl e Uil e gli altri sindacati «contro una legge iniqua che va a colpire chi le tasse già  le paga, cioè statali e pensionati» ricorda Giorgio Santini, segretario generale aggiunto della Cisl. Statali penalizzati, tutti, anche dal rinvio di due anni del Tfr, dalla mobilità  forzata, dal mancato conteggio ai fini di anzianità  pensionistica del riscatto della laurea e del servizio militare. E dal contributo di solidarietà . Da pagare fino all’ultimo euro.


Related Articles

La scuola si ferma, tutti i sindacati contro le nuove regole

Sciopero generale dei lavoratori della scuola il prossimo 5 maggio contro il ddl varato dal governo

Il dividendo della crisi più pesante per i poveri

IL 2012 CON UN PIL -2,3%, SARà€ L’ANNO PIà™ DURO DOPO IL 2009. CHI PAGHERà€ I COSTI DI QUESTA ULTERIORE CADUTA DEL REDDITO, ANCORA LA POPOLAZIONE PIà™ POVERA? Come mostrano i dati Bankitalia elaborati da un gruppo di economisti (Peragine e Brunori, nel Merito.com, 16/11) «nel periodo 2006-2010 gli effetti della crisi non sono stati eguali per tutte le famiglie, le fasce a basso reddito hanno sofferto di più e complessivamente la recessione ha avuto un effetto regressivo sulla distribuzione dei redditi.

La ministra tende la mano

L’ESECUTIVO Fornero offre «un contributo». Banco di prova il caso Dr e gli incentivi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment