Trichet incalza Roma: ora le riforme

BRUXELLES — Jean-Claude Trichet, presidente della Banca centrale europea, chiede — o intima, facendo nomi e cognomi — all’Italia, alla Spagna e agli altri governi dell’Eurozona di «fare il proprio lavoro, all’altezza delle loro responsabilità », per la riduzione dei deficit. E di farlo presto, il più presto possibile. L’uomo che sta per essere sostituito da Mario Draghi non ha scelto un giorno a caso, ieri, per parlare ai microfoni della radio francese Europe 1: il 9 agosto 2007, la banca Bnp-Paribas sospendeva tre dei suoi fondi, fortemente esposti sul mercato americano dei mutui subprime; era giusto 4 anni fa, l’inizio ufficiale della crisi. «Quella più grave — dice ora Trichet — dai tempi della Seconda guerra mondiale. E se i leader non avessero preso delle decisioni molto importanti, avrebbe potuto essere la crisi più grave dai tempi della Prima guerra mondiale». Traduzione: più grave ancora della catastrofe del 1929, del crollo di Wall Street.
Questa sensazione di un’ombra storica incombente è condivisa anche dalla Germania, che chiede stress-test di competitività  per i Paesi dell’euro, e soprattutto la costituzione di un «Consiglio per la stabilità  dell’Eurozona» che abbia il potere di affibbiare «sanzioni» a chi non tiene i bilanci in regola, e che «in casi estremi» possa utilizzare in questo o quel Paese i fondi strutturali europei, senza consultare i governi interessati.
L’appello di Trichet è invece ancora più specifico, perché i suoi destinatari sono segnati a dito: «Ci attendiamo che i governi facciano ciò che consideriamo essere il loro lavoro, all’altezza delle loro responsabilità . Abbiamo chiesto in modo estremamente chiaro negli ultimi giorni al governo italiano di prendere un certo numero di decisioni, che sono state prese, e di accelerare in particolare il ritorno a una situazione di bilancio normale. Abbiamo chiesto la stessa cosa al governo spagnolo. Abbiamo chiesto all’insieme dei governi europei, i 17, di accelerare le decisioni prese il 21 luglio» (al vertice dei capi di Stato e di governo dell’Eurozona, ndr).
E ora, appunto, sarebbe giunto il momento dei fatti: il presidente della Bce precisa che i governi devono «mettere in opera il più presto possibile tutte le decisioni», a cominciare dalla «riduzione dei deficit degli Stati». Ma anche dalla «creazione effettiva, per il Fondo di stabilizzazione finanziaria, della possibilità  di intervenire sui mercati secondari delle obbligazioni» (dove si scambiano i titoli già  emessi, ndr). È il Fondo salva Stati, la cui dotazione di 440 miliardi è stata giudicata insufficiente da tempo, anche se la Germania si oppone a ritoccarla: «Noi abbiamo domandato ai governi — dice ancora Trichet — di confermarci che esiste in effetti un Fondo che possa intervenire esso stesso sui mercati secondari, nel modo più rapido possibile». Il seguito sembra sottinteso: una risposta sicura deve ancora arrivare. Quanto all’intervento difensivo della Bce sui mercati, per l’acquisto di titoli italiani e spagnoli, Trichet lo ribadisce ma si trincera nel riserbo della sua funzione: né «quel che acquistiamo», né «quanto acquistiamo», né «per quanto tempo», è materia per interviste alla radio. Ma ci sono pochi dubbi sul fatto che i Paesi interessati siano gli stessi ai quali Trichet intima di «fare il proprio lavoro, all’altezza delle loro responsabilità ».


Related Articles

Quale rivoluzione verde?

Ostacolati da troppi nemici – cambiamenti climatici, degrado delle risorse, scarsità  di acqua e terre arabili, mancanza di sostegno pubblico – i piccoli coltivatori africani continuano a emigrare verso le città . Là  trovano ben poche opportunità  ad accoglierli. Molti diventano più poveri. Parallelamente cresce la dipendenza dell’Africa dalle importazioni alimentari.

Dalla Verdini family alla finanza creativa le 16 coop bancarie travolte dai crac

L’inchiesta. Pochi i commissariamenti sul totale dei 376 istituti cooperativi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment