Ue, oltre 5 milioni di giovani senza lavoro

MILANO – Nel mese di luglio la disoccupazione dei giovani con meno di 25 anni nella zona dell’euro è stata pari al 20,5% e nell’Unione europea al 20,7%. In tutta l’Ue sono 5 milioni e 115 mila i giovani senza lavoro di cui 3,143 milioni in Eurolandia. A comunicarlo Eurostat, l’ufficio europeo di statistica. La Spagna con il 46,2% resta il paese con il tasso più elevato, seguito dalla Grecia (38,5% nel primo trimestre 2011). Per l’Italia Eurostat indica un tasso del 27,6%. Il tasso più basso di giovani disoccupati è stato osservato invece in Olanda (7,5%) e in Austria (7,8%).
INFLAZIONE
– Stabile ad agosto invece il tasso di inflazione annuale nell’eurozona. Secondo la stima flash diffusa da Eurostat (e poi confermata dall’Istat), per il mese che sta per concludersi l’aumento dei prezzi sarà  del 2,5%, invariato rispetto al dato di luglio. La crescita dell’inflazione ad agosto (+2,8% i prezzi a fronte del 2,7% di luglio) è stata trainata dall’andamento dei beni energetici non regolamentati e dai servizi relativi ai trasporti. I prezzi dei beni energetici non regolamentati (carburanti e gasolio per riscaldamento) sono cresciuti dello 0,9% su luglio e del 15,5% su agosto 2010. La benzina in particolare ad agosto è aumentata dell’1,1% congiunturale e del 16% rispetto ad agosto 2010. Un impatto significativo sull’andamento complessivo dei prezzi è stato dato anche dai servizi relativi ai trasporti con un aumento dei prezzi del 2,5% rispetto a luglio e del 5,7% rispetto ad agosto 2010.


Related Articles

Torneremo a lavorare nel 2076

CGIL In uno studio il sindacato descrive gli effetti dell’austerità

Istat, più propaganda che occupazione

il Pd fa partire la fanfara per i posti precari creati a dicembre e gennaio. Il governo usa i dati Istat per accreditare un calo che non c’è. Il 2014 si è chiuso con un livello record (12,7%) e i timidi segnali di ripresa sono dovuti ai part time involontari

Oltre 50 mila homeless in Italia, stranieri sei su dieci. E’ il primo censimento

La fotografia del fenomeno in Italia scattata da Istat, ministero del Welfare, Caritas e Fiopsd. Lo 0,2% della popolazione nei 158 comuni più importanti. La maggior parte vive al Nord. Pochissimi lavorano. Le donne sono poco più di 6.200

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment