Venezuela e Cuba stati-canaglia per gli Usa

Caracas ribatte rigettando le accuse, riprendendo i contenuti del discorso tenuto all’Onu dal rappresentante venezuelano Jorge Valero: «La Repubblica bolivariana del Venezuela – dice la nota della Cancelleria – ricorda che non esiste una definizione giuridica di “terrorismo” accettata a livello internazionale, così il Dipartimento di stato Usa tende a classificare come terroristi o complici dei terroristi governi e organizzazioni politiche che non si piegano alle sue mire imperiali». Allo stesso tempo, compie azioni che «sacrificano sia i diritti civili e politici, che quelli economici, sociali e culturali dei popoli».
Una doppia morale che consente agli Usa di «offrire riparo a terroristi come Luis Posada Carriles», finanziare pratiche illegali, continuare a includere Cuba nella lista degli «stati canaglia» insieme a Iran, Sudan e Siria, e accusare anche la Bolivia di non essere abbastanza collaborativa.
Dopo aver ribadito il suo «impegno assoluto per la pace nel mondo e l’autodeterminazione dei popoli», il governo bolivariano ricorda di aver estradato in Colombia diversi presunti guerriglieri colombiani: decisioni che hanno ricevuto il plauso del governo di Bogotà  e le proteste dei movimenti per i diritti civili. Un «risultato» del riavvicinamento fra Venezuela e Colombia, giunti ai ferri corti proprio per la mediazione politica proposta dal presidente venezuelano Hugo Chà¡vez nel conflitto fra il governo colombiano e la guerriglia. Il 9 aprile scorso, Venezuela e Colombia hanno invece sottoscritto un accordo bilaterale per la «lotta al narcotraffico» che implica collaborazione.
Dure reazioni anche dall’Avana, che ha ricordato i 3.478 cubani morti per gli attentati terroristici organizzati e finanziati a partire dal territorio nordamericano, spesso – ha detto il governo cubano – «con la complicità  degli Usa».


Related Articles

Immigrazione. «Quanti posti ho?», dipende dalla febbre della politica

L’assist del papa rinfocola la canea antiprofughi, ma Francesco ha voluto evidenziare che non c’è accoglienza senza integrazione. I posti vanno cercati in Europa

Berlino boccia il piano greco (e si divide) Ma Merkel e Tsipras tentano la ricucitura

Telefonata in serata tra i due leader. Varoufakis cerca alleati. Padoan oggi all’Eurogruppo

Russia-Ucraina, venti di guerra

La Nato extra-large si caratterizza per la costruzione di decine e decine di basi militari ormai disseminate in tutto l’Est-Europa e nel Mar Nero, luogo dell’incidente, sulle coste romene e bulgare

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment