A Genova la prima centrale galleggiante

GENOVA. Una centrale elettrica “verde” e galleggiante, ancorata davanti al porto di Genova, che produce energia e recupera calore, bruciando semi di una pianta non commestibile, la Jatropha, coltivata proprio allo scopo di dare lavoro a chi più ne ha bisogno. Niente di simile, fino a oggi, era stato nemmeno immaginato in questo mix di industria, ambiente e solidarietà . Ma il progetto che sta per decollare, e che rimanda niente meno che a Tritone, il figlio del dio del mare Poseidone, è tale da cambiare lo scenario energetico dei porti e delle città  che vi si specchiano dentro. L’esperimento-pilota del “progetto Tritone”, lanciato dal gruppo Europam, verrà  realizzato a Genova, il principale porto italiano e il primo a dotarsi di un piano energetico che prevede il progressivo incremento delle fonti rinnovabili per muovere il lavoro di decine di migliaia di persone, in banchina e a terra. Sulla diga foranea, ad esempio, verranno montate pale eoliche di nuova concezione, affidate alla matita dell’architetto Renzo Piano. Sui tetti di tutti i magazzini ci saranno pannelli solari. Le navi ferme in banchina potranno evitare di tenere i motori accesi e si alimenteranno con “la spina” dell’elettricità . E insieme all’università  si sta mettendo a punto un progetto per recuperare energia anche dal moto ondoso. Al centro del porto vecchio, però, ci sarà  lui, Tritone, una centrale elettrica di nuova generazione, ancorata al fondo da solide cime di ferro e alimentata per produrre energia da un bio-combustile, il seme della Jatropha, conosciuta anche come la nocciolina delle Barbados, pianta velenosissima per l’uomo, ma molto resistente ai terreni aridi. Proprio la spremitura di questo seme si trasformerà  in un olio combustile che diventerà  il carburante per far lavorare Tritone. L’impianto genovese si presenta come una sorta di “modulo” che potrà  essere esportato in tutti gli altri scali italiani ed esteri, visto che occupa circa 3mila metri quadri di specchio acqueo contro i 50mila di un impianto terrestre convenzionale. Il lancio imminente del progetto svelerà  anche la rete di relazioni industriali e commerciali collegate alla centrale elettrica. Se infatti per la costruzione di quella che è a tutti gli effetti una nave si dovrebbe puntare sul gruppo Gin, che unisce i cantieri genovesi Mariotti e San Giorgio, per il “carburante” si è già  individuato il terminal portuale Saar, leader nel Mediterraneo per la commercializzazione di oli vegetali e grassi animali. Tritone, infatti, dovrebbe ancorarsi di fronte alla Saar, così da essere approvvigionato con rapidità  e costanza dell’olio prodotto dal seme della Jatropha. E proprio per disporre di quantità  di “carburante” sufficiente, in una provincia del Brasile è stato messo a punto un progetto, a cui guarda con favore la fondazione Kepha, per garantire lavoro alla popolazione rurale minacciata dalla desertificazione del terreno attraverso una serie di moduli, ognuno di 25mila ettari e in grado di produrre 50mila tonnellate di semi l’anno.


Related Articles

“Sana e controllata” quella di casa è sicura per tutti

Sotto esame l’oro blu dal rubinetto: secondo le ultime ricerche e gli esperti non esiste ragione nutrizionale o di sicurezza per non berla è solo questione di gusto. E ora l’Europa blocca la terza richiesta di aumentare i limiti consentiti anche per arsenico, fluoruro e boro

Clima, minaccia per l´economia l´Italia rischia decine di miliardi

Padoa-Schioppa: una commissione sui costi dell´effetto serra (La Repubblica, LUNEDÌ, 08 GENNAIO 2007, Pagina 16 – Esteri)

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment