A Venezia un osservatorio contro le discriminazioni razziali

VENEZIA – Nasce a Venezia un Osservatorio contro le discriminazioni razziali, con l’obiettivo di contrastare un fenomeno in crescita e sensibilizzare il territorio, partendo dai giovani. La nuova struttura gestita dall’associazione “Sos diritti” è operativa già  dal 12 settembre ma è stata presentata alla città  soltanto questa mattina. Una parte consistente delle attività  è costituita dallo sportello di consulenza e assistenza legale per vittime di discriminazione, dove potranno arrivare anche le segnalazioni e le testimonianze dirette di episodi avvenuti sul territorio. Istituito dal comune di Venezia e dall’Unar, l’osservatorio avrà  anche il compito di fare il “cane da guardia” dell’amministrazione, monitorando i progetti di legge e gli atti ufficiali, denunciando eventuali irregolarità . Ancora, il servizio promuoverà  momenti di sensibilizzazione nel territorio, dialogando in particolare con le scuole, e condurrà  un’attenta analisi della stampa locale per condannare i casi in cui venga usato un linguaggio esplicitamente discriminatorio o ci sia l’abuso di immagini stereotipate. Tra i primi atti concreti, infine, una lettera indirizzata all’Autorità  portuale di Venezia, alla polizia di frontiera scalo marittimo, alla questura e alla prefettura, per segnalare atti di discriminazione rispetto al riconoscimento dei diritti umani verso i migranti intercettati al Porto di Venezia.

“L’osservatorio – è il commento dell’assessore comunale alle Politiche giovanili e Pace, Gianfranco Bettin – si affianca a quello, già  da tempo esistente, contro le discriminazioni sugli orientamenti sessuali, diventando ulteriore strumento sul territorio per mettere sotto osservazione noi stessi e i nostri pregiudizi, nonché la stessa azione degli enti pubblici, a cominciare proprio dal nostro stesso comune”. A questo proposito il vicesindaco Sandro Simionato annuncia: “Stiamo lavorando per porre rimedio a due atti amministrativi comunali contenenti disposizioni di carattere discriminatorio, segnalatici dall’Unar”. E spiega: “È significativo che, sicuramente in buona fede e per disattenzione, ciò possa accadere anche a un’amministrazione come la nostra, in una città  da sempre sensibile a queste problematiche e impegnata con atti concreti a combatterle”. La sede dell’osservatorio si trova a Mestre, in via Costa 38, e le sue porte sono aperte il lunedì e giovedì dalle 10 alle 13 e il martedì e mercoledì dalle 15.30 alle 18.30. (gig)

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Don Vinicio Albanesi rivela: anch’io abusato dai sacerdoti

Il presidente della comunità di Capodarco scuote il Sinodo mondiale voluto dal papa sulla piaga della pedofilia nella Chiesa

Brasile. Un video-shock in cui Bolsonaro invoca il golpe

La registrazione conferma le accuse dell’ex ministro Moro: le interferenze del presidente sulla polizia federale perché stracciasse le inchieste sui figli

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment