IRAQ. The Lancet: oltre 12.000 civili uccisi in attacchi suicidi

Lo studio è pubblicato dalla rivista medica britannica The Lancet, ed è parte di una serie di articoli sulle conseguenze degli attacchi dell’11 settembre 2001 sulla salute. I ricercatori precisano di aver considerato il conteggio delle vittime civili compilato da Iraq Body Count, gruppo indipendente che tiene il conto dei morti attraverso le notizie di stampa e le relazioni degli obitori (un conto difficile, perché le strutture ospedaliere sono collassate e restano inadeguate, e non tutte le vittime vengono portate in ospedale). Secondo lo studio, tra il 20 marzo 2003 e la fine del 2010 gli attentati suicidi hanno ucciso 12.284 civili e ne hanno feriti oltre 30mila – mentre hanno ucciso 200 soldati dalla coalizione, di cui 175 americani. Il rapporto spiega anche che questi rappresentano circa il 10% del totale delle vittime civili dovute al conflitto, che secondo l’Iraq Body Count sono oltre 108 mila. Precisa inoltre che tre quarti delle vittime sono uomini, e il 16% sono bambini.


Related Articles

Sulla missione militare in Niger, anche la Lega si accoda al Pd

L’Italia in Africa. La ministra Pinotti:« Non sarà una missione combat, andiamo lì per addestrare»

Per Kabul la bomba di Trump ha colpito solo militanti Isis

Afghanistan. Il giorno dopo la super bomba di Trump, il governo plaude alla Casa bianca e spera in nuovi aiuti militari. Ma vola anche a Mosca per la conferenza di pace snobbata dagli Usa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment