Le “stanze” del contendere

A  giudicare da com’è andata a finire, l’argomento non è stato troppo convincente. Ma capita che le “stanze del buco” ricorrano con una certa frequenza sulla bocca di alcuni governanti, quale esempio del “politicamente inammissibile” nel campo della droga. Ai cattivi maestri della fuorviante retorica e della subdola disinformazia, proviamo a rispondere con la forza degli argomenti. Un’occasione in tal senso è stata offerta dalla presenza del responsabile delle politiche di riduzione del danno del comune di Francoforte, Juergen Weimer, alla summer school di Forum droghe e Cnca di inizio settembre. Francoforte è stata una delle prime città  ad aprire, nel 1994, le Safe Injecting Rooms (Sir), alla lettera “locali per l’iniezione sicura”. Weimer ha perciò potuto tracciare un bilancio di questi servizi, ad oltre quindici anni dall’apertura. Dalla fine degli anni novanta, all’eroina di strada si è affiancato il crack, anch’esso iniettato, e sono circa 4000 i consumatori che ogni anno utilizzano il servizio. La maggioranza degli utenti provengono dai dintorni di Francoforte: i consumatori che vivono in città  in genere hanno una casa o stanno nei centri di accoglienza notturni, provvisti di propri locali per l’iniezione sicura. Il gruppo dei “pendolari” è più giovane e socialmente integrato rispetto a quello di Francoforte. In genere le persone hanno una casa e un lavoro, oppure studiano all’università : non consumano diverse volte al giorno come chi vive sulla strada, ma usano la droga per lo più settimanalmente, per le occasioni ricreazionali. Per questo vengono a Francoforte, attratti dalla migliore qualità  della cocaina e dell’eroina. Le Safe Injecting Rooms servono per “provare” la sostanza, incontrollabile sul mercato illegale, in modo da prevenire il rischio maggiore dell’overdose.
Qui sta il punto di forza delle Sir come presidio della salute dei consumatori: in 15 anni non si è mai verificato un caso di morte dentro il servizio, anche se i malori dovuti a overdose sono frequenti (circa 300 al mese). A questi incidenti fanno fronte gli operatori che sorvegliano continuamente il locale dove avviene il consumo, attraverso uno stretto rapporto con le ambulanze e coi dipartimenti di emergenza degli ospedali. Ma le “stanze” danno il “messaggio sbagliato” e rischiano di incrementare “il buco”, obiettano gli oppositori. È vero il contrario. La popolazione che frequenta le Sir sta invecchiando. L’età  media è di 40 anni per gli uomini e 38 per le donne e non c’è quasi nessuno sotto i 25 che le frequenti (l’età  d’ammissione è 18). Il modello d’uso intensivo “di strada” è meno diffuso che negli anni novanta: nella generazione intorno ai 20 anni iniettarsi la droga è considerato fuori tendenza, così come lo sono gli oppiacei in generale. Da qualche anno, anche il crack sta cominciando a declinare. I giovani prediligono gli stimolanti, spesso nei contesti di divertimento, insieme alla “normalizzata” cannabis. In una parola, si riduce l’area dell’uso più rischioso, un bene dal punto di vista della salute pubblica. Ammesso che il bene pubblico sia nella mente di chi fa politica.


Related Articles

I virus letali della glo­ba­liz­za­zione

Epidemie. Al centro del volume «Salute senza confini» dell’epidemiologo Paolo Vineis le politiche sanitarie per contenere la diffusione di Ebola e Sars. L’omologazione alimentare favorisce l’obesità e il diabete, ormai ritenute malattie dei poveri

«Quindici milioni di armi». L’Italia che ha paura

Le rapine violente nelle ville, gli assalti ai negozi, i furti continui, gli agguati per strada e la sensazione crescente di insicurezza. Quanto basta per armare privati cittadini rassicurati dall’idea che una pistola, all’occorrenza, diventi un buon deterrente per il malintenzionato di turno.

Il governo vara il «Family Act» e l’assegno unico

Otto articoli dal sostegno alla genitorialità al protagonismo giovanile e alla conciliazione. Bonus e incentivi vincolati alla ridefinizione delle agevolazioni fiscali per famiglia. Battaglia tra Pd e Italia Viva.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment