Quell’Hotel Africa sui monti della Sila

Loading

 ROGLIANO (COSENZA). I numeri fanno impressione. In Calabria la crisi digrigna i denti, morde, fa tremendamente sul serio: 82mila posti di lavoro persi e ben 2700 aziende che hanno avviato procedure di mobilità  e cassa integrazione. Insomma, un’economia a rotoli, un tracollo sociale. Tuttavia c’è un settore che non perde smalto, che anzi amplia le propria sfera d’influenza. È il business securitario, il vorticoso giro d’affari che ruota intorno ai centri di reclusione per migranti. Non bastassero il Cie/Cara Sant’Anna di Isola Capo Rizzuto (gestito dalle Misericordie, legato mani e piedi al Pdl provinciale e più volte al centro di inchieste giudiziarie) e il Cie Malgrado Tutto di Pian del Duca a Lamezia (retto da una cooperativa organica a Legacoop), l’ultima (balzana) idea partorita dalle sottili menti del Viminale, della Presidenza del Consiglio e della Protezione Civile ha del surreale: ghettizzare i rifugiati in strutture alberghiere, alleggerendo il carico sui Cara e sui Cie d’Italia. In attesa di rimpatriarli.

Sono già  cinque gli Hotel Africa in Calabria: ad Amantea, Cetraro, Falerna, Gambarie. Ma il caso più increscioso si registra a Rogliano, nel Savuto. Un’area montana e boschiva, ponte di transito tra la Sila e la costa. Ma anche un distretto industriale. Nell’area di Piano Lago si colloca, infatti, la gran parte delle imprese presenti nel cosentino, specie nel comparto agroalimentare, nella gomma e nelle materie plastiche. Insomma, un comprensorio produttivo e dalle grandi potenzialità  turistiche. Dove i solerti funzionari della Protezione Civile han pensato bene di impiantare un centro di accoglienza per i migranti provenienti da Lampedusa.
Ma né il sindaco, né la prefettura, né le associazioni locali ne erano stati informati. Almeno non prima dell’ultima decade di luglio quando si è cominciata a diffondere la notizia dei trasferimenti dei profughi. Quello che si sta abbattendo su Rogliano e negli altri paesi calabresi interessati risponde, dunque, al “modello Bertolaso”. Quello già  sperimentato dopo terremoti e disastri idrogeologici (i casi L’Aquila e Cerzeto su tutti) e ora trasferito nel settore dell’immigrazione. Un modello fatto di procedure in deroga, affidamenti diretti e regimi temporanei, capace di operare in silenzio, stretto nelle mani di pochi: è il commissariamento coatto dei fenomeni migratori, la cui sovranità  passa de facto alla Protezione Civile.
La cooperativa “La Rosola” gestirà  le attività  per i rifugiati fino al 31 dicembre 2011, termine in cui scadrà  la temporanea concessione della struttura. Non c’è traccia di gara pubblica, né in paese nessuno mai ne aveva sentito parlare. Nel mentre, da quasi due mesi un centinaio di migranti sostano nell’albergo di Contrada Monchia in attesa di un futuro che si chiama rimpatrio. Tutti di colore, età  media 25 anni, provenienti in larga parte da Malì, Nigeria, Ciad, Nuova Guinea. Parlano inglese, francese, arabo, molti hanno studiato, tanti manifestano disponibilità  e capacità  di apprendimento. Il sindaco, Giuseppe Gallo, ha appreso la notizia dell’operazione dalla stampa e non trattiene lo sfogo: «In tanti sapevano del nuovo centro tranne me». E così ha preso carta e penna per chiedere (inutilmente) al presidente della Regione, Peppe Scopelliti, di «sospendere ogni attività  inerente all’apertura del Centro di accoglienza per profughi al fine di valutare e verificare le condizioni logistiche e organizzative per una più attenta e complessiva fattibilità  che miri alla condivisione, al coinvolgimento e alla responsabilità  di tutti i soggetti presenti sul territorio». È molto critico, il sindaco, «perché è indecente ammassare le persone negli alberghi scavalcando le autorità  istituzionali. Da due mesi siamo abbandonati al nostro destino da uno Stato che ci ha lasciati soli. Nonostante ciò insieme alla Rete delle associazioni cerchiamo di praticare un modello di accoglienza». E così hanno deciso di aprire ai migranti la locale Casa della Cultura, «ma se ci avessero interpellato avremmo costruito un percorso partecipato virtuoso. Ma Protezione Civile e Viminale hanno voluto fare di testa loro in barba al contesto sociale ed istituzionale di Rogliano. E da allora sono scomparsi, nessuno li ha più visti e lo stesso dicasi per la Regione». La struttura trasformata in Cara è pessima. L’albergo “La Calavrisella” è sprovvisto di tutto, è in ristrutturazione, agli inizi mancava persino l’allaccio fognario. Poche visite mediche finora, nessun raccordo con la cittadinanza, assenza delle cose più elementari. I migranti vagano in paese, ma sono disorientati non avendo a breve prospettive lavorative. «Ho personalmente firmato – ci dice il sindaco – un protocollo di intesa per cercare di inserire alcuni di loro nelle scuole». Ma tutto è lasciato al caso, all’iniziativa lodevole dei singoli, manca una guida di raccordo con Roma. La Rete Antirazzista è molto attenta e sta seguendo passo dopo passo l’evoluzione degli incontri fra Comune, Cgil, associazioni. Nella Calavrisella oggi vi sono ospitati 160 migranti provenienti dal centro Africa, fra questi un nutrito gruppo di ragazzi nigeriani che erano sul barcone giunto a Lampedusa con 25 cadaveri nella stiva.
Il business degli alberghi è molto remunerativo. Per ogni migrante ospitato lo Stato versa 48 euro al giorno (che salgono ad 80 in casi straordinari). Ma i servizi forniti sono piuttosto lacunosi. Ahmed è un mediatore culturale. Ha lavorato al Calavrisella fino a qualche giorno fa «ma poi mi hanno cacciato. Se vuoi stare qui mi hanno detto devi farti i fatti tuoi». Tuttavia, lui non ne ha voluto sapere e ha denunciato l’assenza di diritti, le prestazioni carenti, la gestione disinvolta. «All’inizio mancava tutto – interviene Pino Tiano del Comitato Beni Comuni del Savuto – nemmeno l’ordinaria assistenza medica veniva fornita. E dire che in base alla convenzione l’ente gestore dovrebbe garantire la mediazione linguistica, i vestiti, le medicine, la raccolta dei rifiuti, l’ambulatorio, il servizio barberia e tante altre prestazioni che invece da 2 mesi sono lettera morta». Questo astruso meccanismo è figlio dell’ordinanza della Presidenza del Consiglio 3933, che da aprile ha stabilito il Piano accoglienza di concerto con le Regioni e, con esso, le quote di ripartizione dei migranti e la possibilità  di gestire in deroga l’accoglienza in loco. Dunque a Rogliano, individuato l’ente gestore, la Protezione civile regionale si è limitata a vigilare sullo stato di vivibilità  dei luoghi e gli standard qualitativi. Si fa per dire.
«Con la scusa dell’emergenza, creata ad arte per agire in deroga a qualsiasi legge, la protezione civile apre Cara che poi facilmente si trasformano in Cie senza interloquire con i territori, senza fare limpide gare d’appalto e costruendo un lucroso business sulla pelle dei nostri fratelli migranti – denunciano i circoli Prc del Savuto – la popolazione locale, impaurita dalle sofferenze di una crisi economica che travolge ogni sicurezza, bombardata dai messaggi egemoni della politica attuale che indicano nel migrante il nemico del pianerottolo, il portatore di ogni male e la principale minaccia alla nostra sicurezza, si trova disorientata e impaurita ma i migranti sono ragazzi come noi, fuggiti da scenari di guerra dove lo sguardo si abitua all’orrore, protagonisti meravigliosi di quel vento nuovo che ha abbattuto i regimi sanguinari del Maghreb e che chiede democrazia e libertà . Non sono un problema di ordine pubblico ed è per questo che rifiutiamo la logica emergenziale». Gli attivisti contrappongono al modello emergenziale di Maroni e Gabrielli quello dell’accoglienza dei comuni della Locride. Non è un caso se qualche giorno fa 2 famiglie di migranti (in tutto 11 unità ) siano state trasferite da Rogliano a Riace dopo una loro esplicita richiesta. Erano insofferenti a questo sistema che specula sul loro travaglio e si sono ribellati. Sbilanciamoci nella sua contromanovra ha calcolato il risparmio che si otterrebbe dalla chiusura dei centri di detenzione per migranti: al netto dei tanti Hotel Africa (come quello di Rogliano), 250 milioni annui. Con cui si potrebbe ridurre il debito. E anche la vergogna.

****************
BRESCIA
Permessi di soggiorno, immigrati protestano

 Gli immigrati bresciani hanno nuovamente fatto sentire la loro voce per chiedere la velocizzazione delle pratiche per il rilascio del permesso di soggiorno, riaperte dopo la sentenza del Consiglio di Stato in merito alla sanatoria. Ieri mattina hanno protestato dentro e fuori l’Ufficio unico dell’immigrazione della Prefettura. Un gruppetto di cinque stranieri è riuscito a entrare nell’ufficio per poi mostrare gli striscioni di protesta prima che le forze dell’ordine bloccassero l’ingresso. Nel frattempo una trentina di immigrati si sono riuniti all’esterno. Una delegazione – compreso il portavoce dell’associazione Diritti per tutti, Umberto Gobbi – è riuscita quindi a entrare per parlare con un dirigente dell’ufficio che avrebbe ammesso «le criticità  e la lentezza delle procedure per la mancanza di personale», spiega Gobbi. Da qui l’impegno del dirigente a inoltrare la richiesta degli immigrati al Prefetto in una relazione dettagliata circa l’andamento dell’ Ufficio, con la promessa di un nuovo incontro con i migranti martedì prossimo. «Altrimenti ci faremo sentire di nuovo», annuncia Gobbi. Verso mezzogiorno, dopo un paio d’ore, il presidio si è sciolto.


Related Articles

Afghanistan. La Ue tradisce la promessa: accolto solo all’0,1% dei profughi

Loading

Il rapporto dell’International Rescue Committee: «Sconcertante negligenza». Nell’agosto 2021 l’Europa prometteva di non lasciare nessuno indietro, ma di 273mila rifugiati afghani ne sono stati reinsediati solo 271

Capitalismo della sorveglianza. L’algoritmo e il volto domestico del controllo

Loading

Parla l’antropologa Veronica Barassi, autrice de «I figli dell’algoritmo». L’ultima frontiera del controllo: la raccolta dati sui bambini. «Con la pandemia processi già in atto sono stati estesi: software che verificano a distanza i lavoratori o che analizzano l’espressione degli studenti a casa»

Profughi africani, dall’emergenza al caos

Loading

L’Italia ha deciso che l’«emergenza Nordafrica» è finita e così migliaia di rifugiati si ritrovano in mezzo a una strada da un giorno all’altro. Dovrebbero ricevere 500 euro a testa per lasciare il paese, ma lo sfratto scatta proprio mentre chiudono le banche. Così per quelli che ricevono documenti e soldi inizia la fuga verso il nord Europa, mentre gli altri si dirigono verso le campagne per la raccolta primaverile. Nel limbo anche malati, donne e bambini. Un esodo messo in moto senza nessuna tutela. A Cosenza dramma della povertà , tre cittadini rumeni muoiono nel rogo della loro abitazione di fortuna.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment