Usa, nuovo sciopero della fame nelle carceri

E’ la seconda volta che i detenuti californiani protestano quest’anno, la prima a luglio, e l’agitazione rende la vita ulteriormente difficile alle autorità  dello Stato, dopo l’ordine arrivato dalla Corte suprema di ridurre di oltre 30mila unità  la popolazione carceraria complessiva.
Immediate le misure repressive: nei 33 penitenziari statali è stato distribuito un memo ai detenuti che avverte di azioni disciplinari nei confronti di chi parteciperà  allo sciopero della fame, come la confisca di generi alimentari acquistati negli spacci interni. I leader della protesta, sempre secondo il memo, rischiano invece l’isolamento.


Related Articles

Cospe: «Difendiamo l’Amazzonia dal Covid-19»

Intervista. La ong fiorentina Cospe ha lanciato un’iniziativa in difesa dei popoli indigeni della foresta sudamericana, minacciati dal virus e dalle sue conseguenze. Ne parliamo con il presidente Giorgio Menchini

Doppie bollette, extracosti e contenziosi quando cambiare utenza è una via crucis

Indennizzi per 10 milioni nelle Tlc. Luce e gas: 70 mila contratti attivati e mai richiesti 

Enti locali, Spi-Cgil: “Nel 2011 -63% di risorse dallo Stato”. Meno welfare e più tasse

 

Il sindacato ha effettuato un’analisi dei bilanci di previsione di 7.537 comuni. A  fronte di una perdita pesante dei vari Fondi nazionali, registrato un aumento delle tasse (+11% per l’imposta sui redditi e +12% di Tarsu) e di entrate extratributarie

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment