Bruxelles abbandona il Ponte sullo Stretto

BRUXELLES – Due assi Nord-Sud, una Est-Ovest, più un’asse mediterranea: sono queste le tre grandi priorità  nel settore dei trasporti su cui la Commissione europea intende investire oltre 31 miliardi di euro. Il programma è stato illustrato ieri dal presidente Barroso e comprende anche investimenti per le reti di trasporto dell’energia e per il rafforzamento delle connessioni a banda larga per un totale di circa 50 miliardi di euro, L’Italia è interessata da tre delle assi portanti nel settore dei trasporti. Tra le priorità  europee, figurano il completamento dell’alta velocità  Lione-Torino-Milano-Venezia (corridoio mediterraneo); il rafforzamento della Genova-Milano-Novara-Gottardo (asse Genova-Rotterdam); il potenziamento dei collegamenti Udine-Venezia-Ravenna-Bologna (corridoio Baltico- Adriatico); il rafforzamento dei collegamenti Brennero-Bologna-Napoli-Palermo, Palermo-Messina e Napoli-Bari che fanno parte del Corridoio Helsinki-La Valletta.
La Commissione invece non considera una priorità  la costruzione del Ponte sullo Stretto. «La decisione se costruire o no il Ponte sullo Stretto spetta al governo italiano, l’essenziale è che il collegamento, via ponte o via mare, sia garantito entro il 2030», ha spiegato il commissario ai trasporti Siim Kallas. Secondo il ministro dei Trasporti Altero Matteoli, il Ponte sullo Stretto rimane invece una priorità : «È un’opera necessaria per realizzare un collegamento rapido e moderno tra il Continente e la Sicilia. Al finanziamento si provvederà  con risorse reperite sul mercato».
Il fatto che anche questa volta il Ponte sullo Stretto non sia stato inserito nella lista dei progetti prioritari da parte di Bruxelles, significa che l’opera non potrà  comunque usufruire di finanziamenti comunitari. Nell’annunciare il nuovo quadro delle priorità  nel settore delle infrastrutture, la Commissione ha spiegato che intende lanciare i «project bond»: obbligazioni europee che saranno emesse dalla Banca europea degli investimenti (Bei) e che riceveranno garanzie dal bilancio comunitario. Con un impegno finanziario di 260 milioni a garanzie delle emissioni, la Commissione conta di raccogliere sul mercato finanziamenti per 4,6 miliardi di euro, che saranno concentrati su una decina di progetti prioritari.
Il grande quadro delle infrastrutture prevede anche importanti investimenti nel potenziamento delle interconnessioni elettriche e nella costruzione di gasdotti. Su questo fronte la Commissione prevede che vengano impegnati nove miliardi di euro. Analogo impegno finanziario è previsto per il potenziamento delle reti a banda larga. «Oggi paghiamo un acconto per la crescita futura e l’occupazione in Europa. Questi investimenti nelle infrastrutture che ancora mancano possono generare crescita e posti di lavoro, allo stesso tempo possono rendere piu’ facile il lavoro e gli spostamenti per milioni di cittadini europei e anche per le imprese», ha spiegato il presidente della Commissione, Barroso.


Related Articles

Riscaldamento climatico. Chi guadagna dal fallimento di Durban

  Mayk

Alla conferenza sul clima l’Unione europea non è stata capace di adottare una posizione comune sulle quote di emissioni di gas serra dopo il 2012. La colpa è dei paesi dell’ex blocco comunista che hanno difeso il sistema attuale, particolarmente vantaggioso per loro.

Firmati gli accordi Ma i No Tav non si arrendono

TORINO-LIONE. «I contestatori si mettano l’animo in pace, perché non si torna più indietro. La Tav si farà  nei tempi stabiliti». È un Roberto Cota raggiante quello all’uscita della Conferenza intergovernativa sulla Torino-Lione che ieri a Parigi ha siglato l’accordo, raggiunto il 27 settembre dai ministri dei Trasporti, Altero Matteoli e Thierry Mariani, per ripartire i costi della tratta internazionale: 57,9% (contro il 63% previsto in precedenza) per l’Italia e 42,1% per la Francia.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment