Durante e dopo di noi. Disabilità , autonomia e volontariato

Numerosi sono i riferimenti legislativi a tutela dei diritti del disabile a partire  dalla Convenzione Onu. Questi riferimenti legislativi hanno avuto lo scopo di individuare linee di indirizzo generali per garantire agli individui e ai loro familiari un futuro degno. Ma se consideriamo che nei prossimi anni il “dopo di noi” riguarderà  un numero sempre maggiore di individui l’argomento è di quelli che vanno presi sul serio.

Si parla di persone con disabilità  gravi, prive del sostegno familiare, momentaneo o permanente. Si tratta di dare risposte, anche strutturali, per garantire loro un futuro di autonomia; si tratta di trovare risorse e sinergie. Molte esperienze sono nate da un lungo lavoro sul campo delle associazioni di volontariato ed i risultati di questo impegno a volte rappresentano delle soluzioni esemplari anche se vulnerabili.

anffas-operatorePerché una delle questioni centrali, come scritto nella proposta di legge “Dopo di noi” che fu presentata un anno fa dal Partito Democratico su iniziativa di Livia Turco ed altri, è quella di istituire un Fondo per l’assistenza che garantisca: il finanziamento di programmi di intervento, svolti da associazioni o fondazioni, volti all’assistenza delle persone non autosufficienti; lo sviluppo di piani di apprendimento o di recupero di capacità  di gestione della vita quotidiana; il finanziamento di progetti volti alla creazione di famiglie-comunità , di case-famiglia, di soluzioni alloggiative in cui inserire progressivamente le persone afflitte da disabilità  grave, compresi gli oneri di acquisto, locazione e ristrutturazione.

Negli anni scorsi la Regione Toscana ha individuato nelle fondazioni di partecipazione, non solo un modello teorico, ma soggetti idonei a svolgere una parte importante nella realizzazione di servizi a favore delle persone con disabilità  cui viene a mancare il sostegno della propria famiglia.

Le fondazioni possono rappresentare soggetti in grado di garantire il giusto equilibrio tra il ruolo degli enti pubblici quali garanti della tutela dei diritti delle persone con disabilità  ad essi affidati e quello delle reti familiari e associative che aderiscono alle fondazioni.

Di alcune di queste esperienze vi parliamo in questo numero.


Related Articles

Il «capitale umano»: perché il nostro Paese è agli ultimi posti

Siamo tra gli ultimi per diplomati e laureati. Peggio di Estonia e Polonia

La riforma delle dro­ghe parte da Udine

A Udine discu­te­remo con Pien Metaal del TNI di Amster­dam del qua­dro inter­na­zio­nale e delle ini­zia­tive di mobi­li­ta­zione verso Ungass 2016

Enzo Tortora, vittima di giudici e stampa

Ricordando Enzo Tortora la giustizia italiana fa i conti con i propri orrori. Perché quello di Tortora, non fu un errore, ma un orrore, una storia di malagiustizia, una vergogna. E’ straordinario scoprire che i pubblici ministeri, a quei tempi incaricati di svolgere la parte dell’accusa, abbiano poi fatto carriera. Altro che responsabilità  dei giudici: sono stati generosamente premiati. Nonostante le sviste, l’omonimia, lo spirito persecutorio nei confronti del popolare presentatore.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment