I carnefici con il telefonino

Quando finalmente Ettore si vergogna di fuggire e affronta Achille, deciso a uccidere o morire, lo invita al rispetto reciproco del vinto. Gheddafi non è certo Ettore, al contrario, un torturatore della propria gente, né la brigata di Misurata somiglia ad Achille (se non, forse, per quella olimpica protezione della Nato). Se ne fa beffa il furioso Achille, “ti divorerei brano a brano”, dice, e lo finisce, e gli altri Achei accorrono e non ce n’è uno che non affondi il proprio colpo nel cadavere, e il vincitore gli fora i piedi e lo lega al carro e lo trascina di corsa facendone scempio.
Gli dei e gli eroi se ne sono andati da tempo, coprendosi il viso, ma la scena è ancora quella. Gli umani sono ancora feroci e fanatici come nell’Iliade, come nella Bibbia. Sono antichi quanto e più di allora, ma hanno i telefonini. A distanza di minuti, avreste visto sul vostro schermo Ettore atterrato, e i vigliacchi trafiggerne e insultarne il cadavere, e Achille bucarne i calcagni e attaccarlo al suo pick-up. L’uomo è rimasto antiquato, o è pronto a ridiventarlo: e meraviglioso e tremendo è il corto circuito fra la sua antichità  e i droni che gli volano sulla testa e colpiscono con esattezza e buttano in un tubo da topi il cacciatore mutato in preda e glielo mandano in mano, mani di prestidigitatori di kalashnikov e telefonini. Ci sono le foto di Misurata, il cadavere disteso, a torso nudo, lavato, e circondato da maschi in posa ciascuno dei quali brandisce il telefonino: e qualche ispirato artista contemporaneo, come lo Jan Fabre che ha messo alla Vergine della prima Pietà  di Michelangelo la faccia di un teschio, avrà  già  pensato di rifare una Deposizione in cui Maria e le pie donne e Giovanni e Nicodemo tengano in mano un telefonino.
Nel linciaggio della Sirte la combinazione fra l’antiquato animale umano e l’ipermodernità  ha preso la forma degli aerei del cielo e degli indigeni sulla terra, arcangeli disabitati gli uni e creature imbelvite gli altri, la Nato e i fanti, ignari i primi del linciaggio, che devono fingere di non volere, responsabili e anzi fieri ed ebbri i secondi: e contenti tutti, perché il processo di un tiranno così longevo e intimo è sempre una minaccia micidiale per i piani alti. Nessuna cospirazione: non ce n’è bisogno. Solo una divisione del lavoro. Chi mette in fuga dall’alto, chi stana dal basso, come in una buona battuta di caccia. Alla muta non occorre suggerire niente, è fatta di uomini giovani ed eccitati, hanno avuto padri torturati, sorelle violate, compagni ammazzati, sentono l’odore della vendetta e della gloria.
L’odore della foto di gruppo è più forte dell’odore del sangue per il branco dei lupi. Non fanno il conto, in quel momento esaltante, esultante, dell’effetto che la scena farà  più lontano, nel tempo o nello spazio. Il nemico giurato che ha ancora la forza di tirare su il braccio sinistro e pulirsi il sangue dal viso e guardarsi attonito la mano insanguinata e mostrarla anche a loro, sbigottito, come a dire “Guardate che cosa avete fatto” – pare che abbia detto cose simili, “Chi siete?”, e “Perché lo fate?”, istupidito dal corpo che cede e dalla vecchia abitudine a non capacitarsi.
Non esistono cadaveri vilipesi e martoriati che possano essere esposti a lungo a vantaggio dei giustizieri. C’è sempre un Cristo, un Hussein, nella memoria. Gli americani l’avevano capito, con Osama, e quel precedente modera oggi le loro deplorazioni. La differenza, più sottile di una carta velina, fra la barbarie e la civiltà  sta nel processo; più esattamente fra il processo popolare, la gogna, i prigionieri neri legati alle canne delle mitragliatrici e trasportati in giro come trofei, e il processo regolare. Il quale, con tutte le ipocrisie che volete, ha intanto bandito la pena di morte, eppure si occupa dei crimini più feroci contro l’umanità , mentre certi Stati la tengono ancora per crimini di particolari. Per i ribelli terra terra, e per i grandi delle democrazie, il processo è ancora un lusso da donnette, o il peggiore degli imbarazzi.
Riguardate questi video, e chiudete gli occhi, perché l’audio è forse più terribile. Poi riguardate, e immaginate di leggere l’avvertenza: “Le immagini che seguono potrebbero urtare la vostra sensibilità “, prima di un canto dell’Iliade o di un passo della Bibbia. Deve tremare un mondo che tenga accanto così spaventosamente una tragedia arcaica – il tiranno e i suoi figli e la sua tribù e le fosse – con la sofisticazione di armi e comunicazioni e con la voglia di liberazione. Gheddafi era lui stesso al colmo di questa aberrazione, e l’ha passata di mano ai suoi sacrificatori, come l’orpello della pistola dorata. Naturalmente, bisogna andare avanti, provare ogni volta a ricucire gli strappi, capire. Ieri a Damasco si gridava già : “Ora tocca a te, Bashar”.


Related Articles

“Siamo disponibili a trattare” Netanyahu e Abu Mazen “costretti” ad accettare l’invito

Il negoziatore palestinese Erekat: “Andremo, ma non c’è lo stop alle colonie”.  Il premier di Israele “Vogliamo la pace, ma continueremo a difendere i nostri interessi”. Hamas boccia l’iniziativa: “Non ci sentiamo vincolati da questa chiamata al dialogo” 

LA NUOVA YALTA DELL’ERA OBAMA

È più del vento di una “Nuova Guerra Fredda” quello che soffia sull’Ucraina e sulla Crimea, come già spirò in Georgia e nelle regioni caucasiche dopo il 1991. In Ucraina non c’è alcun contenzioso diretto fra Washington e Mosca.

Mistero afghano

Nel 2006 due cooperanti italiani vennero trovati morti a Kabul. Uno dei due aveva scoperto un traffico di fatture false tra agenzie dell’Onu, ma l’inchiesta della procura di Roma non è mai approdata a nulla. E ora si rischia l’archiviazione

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment