L’ira degli Usa contro Teheran “Nessuna reazione è esclusa”

NEW YORK – Allerta mondiale per gli americani all’estero, su di loro c’è il rischio di «attività  terroristiche» dirette da Teheran. I rapporti già  tesi fra Stati Uniti e Iran precipitano verso una nuova crisi, Barack Obama riunisce i responsabili della sicurezza nazionale incluso Leon Panetta, segretario alla Difesa. «Nessuna reazione è esclusa», dice la Casa Bianca e lancia un’offensiva a tutto campo verso la comunità  internazionale per una condanna dell’Iran, possibilmente assortita da nuove sanzioni Onu.
E’ la reazione del giorno dopo, alle rivelazioni sullo sventato attacco a Washington: una storia incredibile, densa di interrogativi irrisolti. Due agenti iraniani pronti a pagare 1,5 milioni di dollari ai narcos messicani, per l’assassinio dell’ambasciatore saudita a Washington e un attentato all’esplosivo contro la sede diplomatica. Un complotto sventato dall’Fbi, che Obama aveva subito definito «una violazione flagrante della legalità  internazionale». Ieri il suo vice Joe Biden ha rincarato la dose: «L’Iran ha superato ogni limite, è decisivo che il mondo si unisca per isolarlo». Hillary Clinton ha chiesto che il regime di Teheran sia «tenuto a rispondere delle sue responsabilità  per un atto sciagurato». Il segretario di Stato ha chiamato «tutte le nazioni a condannare questa minaccia alla pace e alla sicurezza mondiale». La rappresentante Usa alle Nazioni Unite, Susan Rice, ha avviato un giro di consultazioni il cui obiettivo finale è di riuscire a varare sanzioni più severe di quelle già  in vigore. Anche dall’Arabia Saudita è giunta la richiesta che l’Iran «paghi il prezzo» per questo complotto.
In Europa i primi ad esprimere sostegno agli Stati Uniti sono stati Gran Bretagna e Francia, con accenni alla disponibilità  per nuove sanzioni in seno al Consiglio di sicurezza Onu. Da Teheran oltre alle smentite sono giunte delle reazioni di scherno: «E’ un trucco per dirottare l’attenzione dell’opinione pubblica americana dalle proteste contro Wall Street, il capitalismo Usa sta crollando». Così ha detto l’ayatollah Ali Khamenei in persona: il leader massimo secondo alcuni esperti americani «non poteva non sapere» dei preparativi per l’attentato, mentre gli stessi servizi Usa non escludono che il presidente Ahmadinejad possa essere rimasto all’oscuro.
Anche negli Stati Uniti non sono mancate reazioni di stupore, incredulità  e perfino scetticismo di fronte alla versione data martedì dal segretario alla Giustizia Eric Holder. Due i protagonisti dell’operazione battezzata in codice “Chevrolet”. Manssor Arbabsiar, 56enne di origine iraniana ma naturalizzato americano, è l’unico a essere finito nella rete dell’Fbi. Viveva in Texas, per affari viaggiava spesso in Messico. E’ là  che insieme al suo complice Gholam Shakuri (sfuggito alla cattura, probabilmente già  tornato in Iran) avrebbe contattato i narcos per un “contratto” speciale, che prevedeva l’attacco terroristico all’ambasciata saudita di Washington. Fbi e Dipartimento di Giustizia non hanno dubbi: i due lavorano per la Forza Quds, una divisione speciale dei Guardiani della rivoluzione iraniani. Avrebbero portato fino in fondo il progetto, se non fossero stati traditi dai presunti narcos, in realtà  informatori della Drug Enforcement Agency. Tra i dubbi su questa versione il primo riguarda l’ingenuità : come pensare che i narcos messicani siano così spericolati da lanciarsi nel terrorismo per conto terzi, così diverso dal loro “business” tradizionale? E quale vantaggio politico avrebbe ricavato l’Iran dall’uccisione del diplomatico saudita? Un’ipotesi è quella che gli iraniani pensassero di poter davvero nascondere il loro ruolo, nel qual caso l’attentato avrebbe messo a dura prova l’alleanza fra Stati Uniti e Arabia Saudita. Robert Bauer, ex responsabile Cia in Medio Oriente, è «colpito dal dilettantismo», ma non esclude che «ci siano fratture a Teheran, con gruppi incontrollati che vogliono creare agitazione». La destra Usa rilanciato l’allarme sui piani nucleari dell’Iran, critica Obama per non avere ridotto il pericolo, e nei suoi ranghi parte la richiesta di un’azione militare.


Related Articles

Signor Netanyahu risponda ai palestinesi

Ma cosa aspetta, signor Netanyahu? Il capo dell’Autorità  palestinese, Mahmoud Abbas, ha dichiarato in un’intervista alla televisione israeliana di essere disposto a tornare a Safad (la città  dov’è nato nel nord di Israele) come turista. Nelle sue parole era discernibile la più esplicita rinuncia al “diritto del ritorno” che un leader arabo possa esprimere in un momento come questo, prima dell’inizio di un negoziato.

Afghanistan, strage di civili

Soldati Usa sparano sulla folla, la Jihad minaccia vendetta (la Repubblica, LUNEDÌ, 05 MARZO 2007, Pagina 10 – Esteri)

Afghanistan, lo Stato islamico fa strage di studenti a Kabul

Almeno 18 le vittime dell’attentato suicida. Colpita la scuola di un quartiere a maggioranza sciita della capitale afghana

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment