Come funziona in Europa. In Francia la legge più aperta

Francia È un’eccezione, lo «ius soli» (il diritto di nascita) vigeva dal 1515 come negli Usa, ma progressivamente, da Chirac in poi, si è attenuato. Ora la legge prevede che per un bambino nato in Francia da entrambi genitori immigrati questi possano chiedere la cittadinanza per il figlio entro il 13 anno di età . A sedici anni la può chiedere il ragazzo stesso. Ma per i maggiorenni nati e vissuti per 18 anni su suolo francese c’è l’obbligo di prendere la cittadinanza francese.
Germania Vige lo ius sanguinis, ma esistono facilitazioni per chi nasce sul suolo nazionale da immigrati residenti: è sufficiente che uno dei due genitori viva legalmente in territorio tedesco ed abbia vissuto lì per almeno 8 anni e sia in possesso di regolare autorizzazione al soggiorno o di permesso di soggiorno illimitato da almeno tre anni, per concedere al figlio il diritto alla cittadinanza al momento della nascita.
Irlanda I nati nel Paese da genitori immigrati possono ottenere la cittadinanza se uno dei genitori ha un permesso di residenza permanente o ha risieduto regolarmente nel Paese per almeno tre anni prima della nascita del figlio.
Belgio La cittadinanza è automatica a 18 anni se si è nati nel Paese o entro i 12 se i genitori vi hanno risieduto per 10 anni.
Spagna Ottiene la cittadinanza chi è nato nel Paese se dimostra di avervi risieduto almeno un anno dal momento della nascita.
Portogallo È prevista la naturalizzazione alla nascita se uno dei genitori immigrati ha risieduto nel Paese 10 anni o 6 se proveniente da un Paese di lingua
portoghese.


Related Articles

L’appello. In piazza il 27 ottobre, con i migranti per fermare la barbarie

È IL TEMPO di compiere un primo, grande, passo. Tutti insieme. E possiamo farlo manifestando il 27 ottobre 2018, non in una ma dieci, cento città.

La tomba dell’opposizione turca

Turchia. Riunito ieri il Consiglio di Sicurezza: Erdogan annuncia tre mesi di stato di emergenza mentre il governo pensa alla creazione di un tribunale speciale per i presunti responsabili del tentato golpe e di un carcere ad hoc dove farli sparire

Una grazia contro lo Stato di diritto

RENDITION. Qualche giorno fa il Presidente Napolitano ha smentito le voci che lo volevano dimissionario ed ha confermato che sarebbe rimasto al suo posto fino alla scadenza del mandato. Adesso sappiamo perché. Aveva una missione da compiere, un impegno internazionale da rispettare: salvare il soldato Romano. E’ difficile trovare altre spiegazioni per giustificare l’inusitata concessione della grazia ad un imputato condannato alla pena di anni cinque.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment