Contro la riforma delle pensioni: la Gran Bretagna scende in piazza

by Sergio Segio | 30 Novembre 2011 18:31

La più grande e importante degli ultimi quarantanni, secondo la previsione unanime dei giornali inglesi, che vedrà  oltre due milioni e mezzo di lavoratori del settore pubblico, sostenuti da 19 unioni sindacali, scendere in piazza a protestare contro la riforma pensionistica varata dal governo.

Insegnanti, medici, studenti, impiegati e molte altre categorie di lavoratori si sono unite contro una riforma che, tra le altre cose, prevede un aumento dell’imposizione fiscale di quasi 3 miliardi di sterline entro il 2014/2015, la riconfigurazione dell’età  pensionabile a soglie fisse statali e uno svantaggioso peso dell’inflazione sulla rateizzazione annuale della pensione percepita. A risentire della mobilitazione, molti servizi essenziali.

Dagli ospedali alle scuole, in gran parte chiusi, fino agli aeroporti. Con l’esplicito intento di paralizzare la città , riprendendo lo slogan, creando dei disagi che possano così diventare strumento di pressione e rinegoziazione delle istanze dei protestors. Intanto, dalle prime ore del mattino, Londra sembra davvero una città  fantasma. Moltissimi i negozi chiusi, vetrine abbassate e i passanti nel centro pulsante di Soho si contano sulle dita di una mano. In lontananza, riecheggiano i rulli dei tamburi provenienti dai molti picchetti localizzati in oltre cinquanta punti della città . Quelli da cui a momenti partirà  la marcia che a mezzogiorno di Londra (h13:00 italiane) si compatta a Lincoln’s Fields.

Post Views: 39

Source URL: https://www.dirittiglobali.it/2011/11/contro-la-riforma-delle-pensioni-la-gran-bretagna-scende-in-piazza/