Elezioni regionali, un ex guerrigliero sindaco della capitale

L’ex militante del defunto movimento armato dell’M-19 sarà  il primo ex-guerrigliero a occupare un posto politico di grande importanza in Colombia. Economista ed ex-senatore, il cinquantunenne neo sindaco ha scontato due anni di carcere per la sua appartenenza al movimento M-19, una guerriglia urbana che ha accettato la via pacifica nel 1990. Era stato candidato alla presidenza nel 2010, e prima eletto senatore e deputato: «Bogotà  ha scelto come sindaco un figlio del processo di pace del 1990 – ha dichiarato – e in questo modo ha detto sì alla riconciliazione, sì alla pace». Petro ha corso per il Movimento progressista che ha fondato dopo aver abbandonato il partito di sinistra che ha governato la capitale fino ad ora, il Polo democratico alternativo (Pda), lacerato da scandali e corruzione. Ha avuto come avversario Enrique Penalosa, a capo di una coalizione di centro-destra, che ha ottenuto il 25,07% dei voti. Dal 2011, Petro aveva lasciato il Pda dopo aver denunciato la corruzione del sindaco di Bogotà , Samuel Moreno, finito in carcere il 23 settembre. Ora assumerà  la guida della capitale (sette milioni di abitanti), il 1 gennario 2012. Domenica, i colombiani hanno eletto i sindaci di 1102 comuni, le assemblee dei dipartimenti e i loro 32 governatori. Una campagna elettorale segnata dalla violenza. Secondo la Missione d’osservazione elettorale (Moe), una Ong indipendente, almeno 41 candidati sono stati assassinati da febbraio, 87 minacciati di morte, 22 oggetto di attentati e sette sequestrati. Una campagna segnata dall’astensionismo (quasi il 50%, secondo molti osservatori), a cui aveva invitato anche l’organizzazione di guerriglia colombiana, Farc.
Sconfitti i candidati appoggiati dall’ex-presidente Uribe in alcune città  importanti come Bogotà , Medellin, Càºcuta, Bucaramanga e nei dipartimenti come Antioquà­a, Atlà¡ntico, Bolivar e Caldas. Ma la vittoria di candidati sospettati di legami con i paramilitari si è profilata a Santander, Caquetà¡, Guajira, Cesar, Valle del Cauca, Casanare, Magdalena, Sucre e Bolà­var. Niente di nuovo. Una vittoria per il presidente Manuel Santos, a fronte della sconfitta dei partiti di opposizione come il Partito verde.


Related Articles

Deficit, banche e caso Grecia La cabina di regia Parigi-Berlino

Schà¤uble: gruppo di lavoro franco-tedesco. Il piano all’Eurogruppo

Rivoluzione dall’alto

  Vlahovic

I cambi di governo in Grecia, Italia e Spagna dimostrano che è in corso una complessa ristrutturazione dei rapporti tra politica ed economia. Quello che non è ancora chiaro è quale parte avranno in cittadini in questo processo.

Contro Wade ora è rivolta

Putiferio politico e reazione immediata nelle strade, con proteste degenerate in scontri e violenze, un’ondata di rabbia – duramente repressa dalla polizia – che per tutta la notte da Dakar si è estesa a varie città  del paese. È quanto suscitato dalle decisioni del Consiglio costituzionale senegalese sui candidati da ammettere alle elezioni presidenziali (il primo turno è tra meno di un mese), arrivate nella tarda serata di venerdì.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment