Granelli: stranieri, a Milano un Centro anti discriminazioni

Impegno preso apertamente, ieri, dall’assessore alla Coesione sociale, Marco Granelli, che a margine della presentazione del Rapporto 2011 dell’Unar spiega: «Abbiamo accolto la proposta e dato la nostra disponibilità  per fare in modo che questo osservatorio esista, coinvolgendo anche una pluralità  di soggetti che operano sul territorio». Il punto su cui insiste Granelli è «garantirne la terzietà », affidarne la gestione a Unar e società  civile: «In questo modo anche noi saremo oggetto di osservazione». Milano è la seconda grande città  italiana, dopo Venezia, ad accogliere il Centro. Siglata l’intesa, si svilupperà  un coordinamento di associazioni. «Vogliamo sentirci parte attiva», dice durante il dibattito Nelly Diop, vicepresidente dell’Ong Raddho Italie. «Non creeremo una nuova struttura — sottolinea il direttore generale dell’Unar Massimiliano Monnanni —: l’obiettivo è mettere in Rete le strutture che già  esistono, e aggregare tutte le informazioni in un’unica banca dati». I primi sei mesi serviranno a rilevare le strutture e formare gli operatori (provenienti dagli uffici comunali o dalle realtà  private). Quindi comincerà  il lavoro: «Non solo osservazione, il Centro sarà  operativo».


Related Articles

Roma. Baobab, sgombrati 50 migranti sotto il diluvio

Contro il dl sicurezza. Venerdì 23 novembre manifestazione a piazza San Silvestro a Roma

Il tesoro degli stranieri d’Italia pagano tasse per 45 miliardi “Una risorsa per il paese”

Il dati della fondazione Moressa: Irpef, nel 2014 gli immigrati hanno versato 6,8 miliardi

Scrivere e fare inchieste col fucile puntato alla tempia

Libertà  di stampa, i killer dell’informazione. Dall’Honduras al Guatemala al Messico e alla Colombia, gli operatori dei media indipendenti pagano con la vita

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment