Immigrazione. L’Europa in crisi chiude le porte

Secondo un esperto citato da Dagens Nyheter, la crisi economica ha reso ancora più difficile l’armonizzazione: alcuni paesi adottano una politica più “aperta” temendo di essere obbligati a ricevere un numero ancora più elevato di domande, mentre altri (come la Grecia) hanno semplicemente rifiutato di accogliere nuove richieste d’asilo. Altri paesi ancora, come Finlandia e Paesi Bassi, subiscono l’influenza dei partiti populisti di destra. Il commissario punta il dito contro la Grecia, attraverso la quale 80mila persone sono entrate nell’Ue negli ultimi due anni e dove “le condizioni di accoglienza sono al di sotto dell’umanamente accettabile”. Un lungo reportage di Dagens Nyheter sul centro di accoglienza di Tychero, alla frontiera con la Turchia, conferma le accuse del commissario.

Per ripartire meglio il carico dell’accoglienza dei rifugiati, Malmstrà¶m vorrebbe che i paesi più sollecitati fossero aiutati dagli altri. Le sue proposte saranno discusse il 13 dicembre in occasione del Consiglio dei ministri dell’Ue.


Related Articles

Sicurezza energetica e alimentare, la doppia sfida dal Medio Oriente

La rivolta in Libia ci deve far riflettere, oltre che sulla tragedia umana e civile, sul problema della dipendenza energetica. Da anni noi uomini di scienza predichiamo che un Paese, per essere libero, deve essere indipendente anche dal punto di vista della produzione di energia.

La cittadinanza mancata alla radice della rivolta

L’esercito thailandese sta riprendendo il controllo della città . I leader delle «camicie rosse», divisi, si sono arresi. La rivolta è sconfitta. Ma gli sviluppi di queste ore hanno spinto qualche ministro a dire che neppure il governo può vantare vittoria.

Nurca Baysal: «La repressione turca non mi impedirà di scrivere»

Turchia. La lettera di Nurca Baysal, giornalista condannata a dieci mesi per un articolo sul massacro di Cizre

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment