«Nelle prigioni Usa chiusi 2.500 ragazzini»

Sono almeno 2.500 i ragazzini, anche di soli 11 anni, attualmente rinchiusi nelle carceri americane. Lo rivela un rapporto di Amnesty International, pubblicato oggi, dal titolo Ecco dove sarò quando morirò in cui si raccontano le storie emblematiche di tre persone: Jacqueline Montanez, David Young e Christi Cheramie. Gli Stati Uniti sono l’unico Paese al mondo, insieme alla Somalia, a non aver ratificato la Convenzione Nazionale per i diritti del bambino, in vigore da circa 20 anni, che proibisce espressamente l’ergastolo per i minorenni. Ora Amnesty International chiede al governo americano di allinearsi alla legge internazionale. «Non vogliamo giustificare i crimini commessi dai bambini o minimizzare le loro conseguenze — ha spiegato l’attivista Natacha Mension — ma la realtà  è che queste sentenze ignorano le grandi potenzialità  di riabilitazione che un giovane criminale può avere». È il caso di Christi Cheramie che è chiusa in un carcere della Louisiana dal 1994 per un omicidio di secondo grado commesso insieme al suo fidanzato quando aveva 16 anni. Giudicata come un’adulta la ragazzina poco prima del processo si dichiarò colpevole per evitare la condanna a morte. Nessuno tenne conto del suo stato mentale, degli abusi subiti da bambina, dei suoi due tentativi di suicidio. Oggi, comunque, Christie si sente un’altra persona. In carcere ha studiato e ora insegna alle altre detenute. «Spero — dice in un video — di avere una seconda chance». Proprio oggi Cheramie presenterà  domanda di clemenza. Amnesty spera che sia accolta. Per lei e tutti gli altri come lei.


Related Articles

Allarme riciclaggio: economia criminale vale 12% del Pil

Negli ultimi anni, riconosce il Comitato nell’ Analisi nazionale dei rischi di riciclaggio e finanziamento del terrorismo , l’uso di contante ha subito «una costante contrazione

“Così Berlusconi pagava Cosa nostra grazie ai contatti dell’amico siciliano”

I giudici: lo “stalliere” assunto ad Arcore con l’avallo della mafia.   I magistrati: Mangano però ha millantato sui suoi rapporti con Marcello Dell’Utri. Il numero uno di Fininvest: “L’ho detto ai carabinieri, meglio spendere 30 milioni…”

Un database per i farmaci e le cure

Malattie rare. Lunedì la Giornata mondiale dedicata alle patologie che solo in Italia colpiscono 2 milioni di persone, il 70 per cento bambini. Presentato Orphanet 2011 per venire incontro alle esigenze di chi ne soffre. Solo il 45 per cento dei pazienti ha il centro clinico nella regione in cui vive

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment