«Nelle prigioni Usa chiusi 2.500 ragazzini»

Sono almeno 2.500 i ragazzini, anche di soli 11 anni, attualmente rinchiusi nelle carceri americane. Lo rivela un rapporto di Amnesty International, pubblicato oggi, dal titolo Ecco dove sarò quando morirò in cui si raccontano le storie emblematiche di tre persone: Jacqueline Montanez, David Young e Christi Cheramie. Gli Stati Uniti sono l’unico Paese al mondo, insieme alla Somalia, a non aver ratificato la Convenzione Nazionale per i diritti del bambino, in vigore da circa 20 anni, che proibisce espressamente l’ergastolo per i minorenni. Ora Amnesty International chiede al governo americano di allinearsi alla legge internazionale. «Non vogliamo giustificare i crimini commessi dai bambini o minimizzare le loro conseguenze — ha spiegato l’attivista Natacha Mension — ma la realtà  è che queste sentenze ignorano le grandi potenzialità  di riabilitazione che un giovane criminale può avere». È il caso di Christi Cheramie che è chiusa in un carcere della Louisiana dal 1994 per un omicidio di secondo grado commesso insieme al suo fidanzato quando aveva 16 anni. Giudicata come un’adulta la ragazzina poco prima del processo si dichiarò colpevole per evitare la condanna a morte. Nessuno tenne conto del suo stato mentale, degli abusi subiti da bambina, dei suoi due tentativi di suicidio. Oggi, comunque, Christie si sente un’altra persona. In carcere ha studiato e ora insegna alle altre detenute. «Spero — dice in un video — di avere una seconda chance». Proprio oggi Cheramie presenterà  domanda di clemenza. Amnesty spera che sia accolta. Per lei e tutti gli altri come lei.


Related Articles

Detenuti morti ma “fuori dalle statistiche”

Secondo Ristretti Orizzonti sono almeno 13 i casi nel 2009 e 7 nel 2010 non conteggiati dal ministero di Giustizia. Si tratta di decessi avvenuti in caserme, ospedali giudiziari, questure, Cie e altri luoghi che non rientrano nella conta ufficiale

Gran Bretagna, la classe media va all’inferno

Dieci percento in più di senzatetto. Westminster vuole rendere illegale chi dorme per strada

La classe media va all’inferno. La crisi e i tagli alla spesa sociale hanno fatto aumentare i senzatetto del dieci percento in Gran Bretagna, secondo la denuncia della Ong ‘Crisis’. In uno studio di 120 pagine, che vede come co-autori accademici dell’università  di York e della Heriot-Watt University, sono state raccolte le richieste di alloggio popolare, salite di oltre 44mila, la cifra più alta in dieci anni e superiore del dieci percento rispetto al 2010.

Vigile spara e uccide un cileno

La polizia locale è ancora una volta al centro delle polemiche sulla sicurezza. La destra attacca e la sinistra è sulla difensiva

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment