Monti all’Europa: piena sintonia

BRUXELLES — Disciplina di bilancio, crescita economica ed equità  sociale per rilanciare l’Italia anche in Europa. Sono queste le linea guida della politica anti crisi che il premier Mario Monti ha concordato «in piena sintonia» nei suoi incontri a Bruxelles con il presidente della Commissione, il portoghese José Manuel Barroso, e subito dopo con il presidente stabile del Consiglio dei governi Ue, il belga Herman Van Rompuy.
Gli apprezzamenti espressi da Barroso e Van Rompuy hanno fatto capire che con Monti, ex eurocommissario e noto europeista, il dialogo Italia-Ue promette di diventare più fluido rispetto al precedente governo. Il premier ha confermato «continuità » nel rispetto degli impegni sul risanamento dei conti pubblici «incluso il pareggio di bilancio nel 2013». Ha però annunciato «maggiore attenzione alla crescita, alle riforme strutturali e alla ricerca del consenso in Parlamento e tra le forze sociali» perché «l’attenzione al consolidamento della finanza pubblica non deve mandare in oscurità , in seconda linea, l’attenzione sulla crescita».
Il premier italiano ha aggiunto di aver discusso con Barroso in generale «di come si debba tener conto del ciclo nella valutazione qualitativa degli obiettivi di bilancio». L’analisi specifica sull’Italia l’ha rinviata all’incontro di venerdì a Roma con il vicepresidente finlandese della Commissione europea Olli Rehn.
A Bruxelles sono consci delle difficoltà  prodotte dall’alto debito italiano e intendono potenziare il monitoraggio già  in corso sull’attuazione degli impegni. Monti ha replicato che «le cose che l’Europa ci chiede servono ai nostri figli e ai nostri nipoti». Ha subito recuperato l’affermazione che con le riforme richieste dalla Commissione «potremo andare più decisamente a fondo…», precisando sorridendo che intendeva «essere più incisivi».
Barroso ha detto che l’Italia «è determinata ad affrontare sfide enormi, ma superabili» e che a Bruxelles non si aspettano dal nuovo governo «uno sprint, ma una maratona». Van Rompuy ha affermato che «l’Italia avrà  un ruolo chiave nel progetto europeo nel momento in cui stiamo affrontando una sfida sistemica» per portare l’Eurozona fuori dalla crisi.
Monti ha ricambiato l’appoggio dei presidenti delle istituzioni Ue affermando di voler mettere «l’Europa al centro dell’azione del governo». Ha sostenuto il progetto di eurobond, che Barroso ha in programma di annunciare oggi. «Non ci devono essere tabù nella discussione», ha chiarito in vista dell’incontro di domani a Strasburgo con il presidente francese Nicolas Sarkozy e la cancelliera tedesca Angela Merkel, contraria a quella che Van Rompuy ha definito «mutualizzazione del debito pubblico». Il premier ha spiegato che gli eurobond non debbono però diventare uno strumento «elusivo della disciplina fiscale». E ha ribadito il suo favore per il «metodo comunitario», che incentra l’attività  Ue sulle istituzioni di Bruxelles, mentre l’asse franco-tedesco si è assunto di fatto la gestione della crisi.


Related Articles

Gli incerti equilibri del partito al potere

Il Cremlino, messo sotto pressione dalle contestazioni, invia messaggi ambivalenti

Terremoto devasta l’Iran, oltre 450 vittime

Un terremoto di magnitudo 7.3 colpisce Kermanshah, al confine con il Kurdistan iracheno, dieci morti anche a Suleymaniya

Egitto Dal Palazzo al terrorismo la parabola dei Fratelli islamici

Il governo ”provvisorio” egiziano sostenuto dai militari, attribuendo alla “Fratellanza Musulmana” la responsabilità di un attentato contro una stazione di polizia, ne ha approfittato per dichiarare che si tratta di una organizzazione terroristica bollando di fatto come illegali e criminose tutte le sue attività, le forme di finanziamento e la stessa appartenenza ai Fratelli Musulmani.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment