Censis: “Sanità  a rischio nelle regioni e comuni sull’orlo del default sociale”

ROMA – Sanità  a rischio nelle regioni e Comuni sull’orlo del default sociale. Sono questi i punti critici del “sistema welfare” italiano sottolineati dal 45° Rapporto Censis sulla situazione sociale del Paese presentato questa mattina presso il Cnel a Roma. Per quanto riguarda la sanità , nelle Regioni preoccupa la sostenibilità  finanziaria. “Nel periodo 2001-2010 – spiega il Rapporto – le Regioni con Piano di rientro hanno registrato un incremento della spesa del 19% contro il +26,9% del resto delle Regioni. Nel 2006-2011 hanno subito una riduzione della spesa in termini reali dello 0,6%, mentre le altre Regioni hanno avuto un aumento di oltre il 9%”. Spicca il contenimento della spesa in Sicilia (-10% nel periodo 2006-2010), Abruzzo (-4,4%), Lazio (-3%) e Campania (-1,9%), che hanno siglato i rispettivi Piani di rientro nel 2007. Tuttavia, per i cittadini la cura a cui è sottoposto il Servizio sanitario non sta generando effetti positivi: solo l’11% degli italiani ritenere migliorato il servizio sanitario della propria regione, quasi il 29% ha registrato un peggioramento e circa il 60% una sostanziale stabilità . Il futuro, inoltre, non è roseo e si teme l’accentuazione delle differenze di qualità  tra le sanità  regionali (35,2%), che l’interferenza della politica danneggi la qualità  della sanità  (35%), che i disavanzi rendano indispensabili robusti tagli all’offerta (21,8%), che non si sviluppino le tipologie di strutture e servizi necessarie, come l’assistenza domiciliare territoriale (18%), che l’invecchiamento della popolazione e la diffusione delle patologie croniche producano un intasamento delle strutture e dei servizi (16,3%).

Per quanto riguarda i comuni, il Censis parla del rischio di un default sociale. “E’ pari a 6,7 miliardi di euro il valore degli interventi sociali comunali, ai quali si aggiunge la compartecipazione degli utenti (circa 1 miliardo l’anno) e la quota a carico del Servizio sanitario (circa 1,1 miliardi l’anno), per un totale di spesa pari a poco più di 8,7 miliardi di euro, pari a circa il 10% del totale della spesa per tutte le politiche socio-assistenziali”. Tuttavia, spiega il Censis, i tagli dei fondi sociali nazionali si sono fatti sentire. “Il Fondo nazionale per le politiche sociali è passato dal 2008 al 2011 da 929,3 milioni di euro a meno di 220 milioni, il Fondo per la non autosufficienza nel 2011 non è stato finanziato, con un taglio netto di 400 milioni di euro”. Secondo il Censis, a subire l’impatto dei tagli saranno in primo luogo gli utenti. “Oltre il 40% delle risorse per il sociale dei Comuni è impiegato per famiglie e minori – spiega -, il 21,2% per gli anziani, una quota simile per i disabili e il 7% circa per la lotta alla povertà . Ma anche gli occupati nel sociale, perché il 48,5% della spesa comunale per i servizi sociali è impiegato per affidare i servizi all’esterno, a cooperative sociali e altri soggetti del terzo settore”.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

La rete dell’odio. La storia infinita delle minacce a Laura Boldrini

A colloquio con la presidente Boldrini. «Mi attaccano perché denuncio i fascisti della rete e dei territori, perché combatto per le donne e contro le discriminazioni»

Magistrati e politica, le urla e i silenzi

Alla crisi del sistema in atto concorrono anche pubblici ministeri e giudici: per diffuse prassi antigarantiste, per un frequente uso eccessivo e strumentale della custodia cautelare (frutto di una impropria «cultura delle manette»), per interventi a piedi giunti sulle manifestazioni del conflitto sociale

Cannabis italica, il re cambia discorso

L’ennesimo calvario: l’arresto, lo sciopero della fame, quindi la deportazione dal carcere di Lucca al lager di Montelupo Fiorentino del medico di Pietrasanta Fabrizio Cinquini. Contratta tempo fa in servizio l’epatite C, sfibrato dalle cure da cavallo, Cinquini si era dedicato alla coltivazione di piante di cannabis, onde selezionare ibridi potenzialmente più efficaci per gli usi terapeutici.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment