Il simbolo della lotta contro la pena capitale

Già  a soli 14 anni, infatti, nel 1968 a Philadelphia, fu arrestato per aver protestato contro le politiche segregazioniste dell’allora governatore dell’Alabama, George Wallace. Poi fu schedato e trasformato in bersaglio dal «Cointelpro» (programma d’infiltrazione e di controspionaggio) assieme ad altri membri delle Pantere nere. Divenuto giornalista radiofonico, i suoi servizi hanno infastidito non poco sia i politici che la polizia di Philadelphia, accusati d’intrallazzi, abusi e corruzione, ciò che gli valse il licenziamento dalla radio. Per sopravvivere e mantenere la sua famiglia, Mumia lavorò come tassista notturno. È proprio durante il suo servizio, il 9 dicembre 1981, che Abu-Jamal rimase gravemente ferito in una sparatoria dove fu ucciso l’agente di polizia Daniel Faulkner. Vittima di uno dei tanti processi-farsa del sistema giudiziario Usa (Sacco e Vanzetti docet), Mumia fu condannato a morte, nel luglio del 1982. Dopo 17 anni nel braccio, nel giugno 1999, il vecchio sicario Arnold Beverly confessò ad uno degli avvocati di Abu-Jamal di essere l’autore dell’omicidio di Faulkner, ma questa prova non venne mai presa in considerazione.
Intorno al caso di Mumia è nata una mobilitazione internazionale che lo ha trasformato in un simbolo, assieme al prigioniero politico amerindiano Leonard Peltier, della lotta contro l’ingiustizia e la discriminazione del sistema giudiziario e politico Usa.
In carcere Mumia ha collaborato con molte testate giornalistiche internazionali e scritto libri (ha scritto anche vari articoli per il manifesto). In Italia è stato pubblicato In diretta dal braccio della morte e nel 2007 fu prodotto il film documentario In Prison My Whole Life. In uno dei suoi scritti più conosciuti, Mumia concludeva: «Mentre leggete, sappiate che sono stato punito dal governo perché continuo a scrivere, dal braccio della morte. Hanno cominciato a punirmi perché scrivevo quando avevo 16 anni. Mi sono arrogato il mio diritto di scrivere. Voi, arrogatevi il vostro diritto di leggere”.


Related Articles

Parte il piano ONU per svuotare i centri libici: «Prima donne, bambini e malati»

Il piano prevede che eritrei e somali – due nazionalità che possono accedere alla protezione internazionale – vengano trasferiti a Tripoli in un centro che l’Unhcr conta di riuscire ad aprire entro febbraio

Destre in soccorso per salvare Salvini. Oggi il voto sulla Diciotti

Per il tribunale dei ministri sequestrò 177 migranti a bordo della nave Diciotti. Alla maggioranza, dove sparuti 5 stelle tentennano, arriva il soccorso di Forza Italia e Fratelli d’Italia

Salute, ministero ha monitorato 5.300 profughi al giorno

 

Oltre 4.100 segnalazioni ricevute da 97 centri di accoglienza in 11 regioni. Sono i risultati del sistema di sorveglianza creato lo scorso aprile dal ministero della Salute. In 6 mesi monitorate 5.300 persone al giorno, in gran parte adulti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment