La solidarietà  armata

È toccato al ministro per la Cooperazione internazionale e l’integrazione Andrea Riccardi dare l’annuncio, al termine della riunione del consiglio dei ministri di ieri, dell’approvazione del decreto Milleproproghe – ribattezzato Poche proroghe – che contiene, fra l’altro, il rifinanziamento delle missioni militari all’estero delle Forze armate. 
Niente da fare, quindi, per le organizzazioni non governative italiane impegnate nella cooperazione allo sviluppo che hanno denunciato con forza i continui tagli ai progetti internazionali di solidarietà  da un lato e l’intangibilità  degli stanziamenti per le armi e per le missioni militari dall’altro. Il “loro” ministro conferma tutto: nessuna riduzione, le missioni all’estero delle Forze armate continuano.
Del resto non è una novità : Riccardi, ministro ma soprattutto fondatore e principale animatore della Comunità  di sant’Egidio – neolaureato honoris causa dall’Università  di Friburgo anche per il suo impegno per «il dialogo interreligioso e la pace nell’era della globalizzazione» – da sempre riesce a far convivere solidarietà  e armi. Finmeccanica infatti, la prima industria armiera italiana in queste settimane anche al centro di episodi di corruzione che hanno coinvolto i suoi massimi vertici, è da sempre uno dei principali sponsor del progetto Dream (Drug resource enhancement against aids and malnutrition), un programma di prevenzione e cura dell’Aids in Africa, avviato da Sant’Egidio nel 2002 e oggi attivo in Mozambico, Malawi, Tanzania, Kenya, Repubblica di Guinea, Guinea Bissau, Nigeria, Angola, Repubblica Democratica del Congo e Camerun. In Africa quindi – dove è finita la metà  degli armamenti italiani esportati nel 2010 – Finmeccanica vende armi; poi, anche grazie a Sant’Egidio, si rifà  il trucco finanziando progetti sanitari in quegli stessi territori e può scrivere con orgoglio sulla sua pagina web: «La solidarietà  non ha confini. Non geografici, né politici, né religiosi».
Ma non c’è solo Finmeccanica fra gli sponsor ambigui del movimento fondato da Andrea Riccardi: finanziano le attività  di Sant’Egidio – tutte benedette e sostenute dalla Conferenza episcopale italiane – Unicredit e Intesa San Paolo, fra le principali “banche armate”, ovvero gli istituti di credito che sostengono l’export di armi italiane e i programmi internazionali di riarmo, come i 131 cacciabombardieri F-35, per cui il nostro Paese spenderà  almeno 15 miliardi di euro nei prossimi 15 anni; sempre il programma Dream è sponsorizzato da Farmindustria (la federazione delle aziende farmaceutiche italiane associate a Confindustria) e dalle multinazionali farmaceutiche Glaxo, Boehringer e Merck, tutte aderenti al cartello di 39 società  che, anni fa, avviarono una causa contro l’allora presidente del Sudafrica Nelson Mandela che aveva concesso alle aziende locali di produrre farmaci anti-Aids a basso costo aggirando così lo strapotere delle multinazionali che commercializzavano le medicine ad altissimo prezzo; e in passato la Fondazione per la pace di Sant’Egidio è stata finanziata dalla Nestlé, quando la multinazionale era sottoposta ad un boicottaggio internazionale per violazione del codice internazionale di commercializzazione del latte in polvere.
Armi e solidarietà . Anzi solidarietà  anche con i soldi delle armi. E poi una bella marcia della pace, come quelle che la Comunità  di Sant’Egidio organizzerà  in tutta italia l’1 gennaio. A Roma si concluderà  a piazza san Pietro, per ascoltare il papa. E Riccardi, c’è da scommettere, sarà  in prima fila.


Related Articles

«Il Ppe è pronto ad accogliere chi lascia Forza Italia»

BRUXELLES — E se Angelino Alfano, una volta divenuto «diversamente berlusconiano» e uscito da Forza Italia, formasse con gli altri «ribelli» un nuovo gruppo e con questo chiedesse di entrare nel Partito popolare europeo? È una delle molte domande che circolano in queste ore agitate a Bruxelles.

Malpensa, il flop dopo le promesse

Lufthansa addio, tramonta il sogno dell’hub padano voluto dalla Lega. I favori garantiti a Alitalia sulla Roma-Milano hanno allontanato la compagnia tedesca. E ora la Sea rischia di “pagare” il condono delle multe proposto da Palazzo Marino 

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment