La stangata del Professore vale 25 miliardi

Tante tasse, tagli e poco sviluppo. Le misure di fine anno cancellano autobus e salute. Allarme delle regioni: «Ormai è un’emergenza nazionale» Il rigore c’è già  tutto. Per l’equità  e la crescita bisognerà  attendere i dettagli. Lunedì mattina il governo Monti varerà  la «più importante operazione economica» degli ultimi anni (ipse dixit).
Il premier in serata è salito al Quirinale e da oggi inizierà  a illustrare anche a partiti, enti locali e parti sociali il contenuto della manovra di fine anno (la quarta nel 2011). Il conto finale dell’aggiustamento è salatissimo: oltre 25 miliardi. Metà  dei quali sono veri e propri tagli per abbassare il rapporto deficit/Pil in vista della probabile recessione dell’anno prossimo. Sul tavolo dei ministri un «pacchetto» composto da un decreto legge più alcune leggi delega. Dopo l’accordo con i presidenti delle camere, tutte le nuove misure dovranno essere approvate tassativamente dal parlamento entro natale.
Secondo le bozze che circolano in queste ore, sfuma un intervento pesante sugli estimi catastali (sarà  affidato a una legge delega apposita) e non c’è traccia di «patrimoniale». Monti affronterà  i capitoli «politicamente» più spinosi (anche se non necessariamente i più importanti per sostanza) durante gli incontri di oggi con i partiti. Dalle indiscrezioni, infine, sembra scomparso il taglio del cuneo fiscale a sostegno della «crescita».
Sanità . Si annunciano tagli pesanti al Sistema sanitario nazionale: meno 2,5 miliardi nel 2012 e meno 5 nel 2013. Somme che si aggiungono a 600 milioni di «razionalizzazione» della spesa farmaceutica e a 1,2 miliardi di risparmi per i mancati rinnovi dei contratti al personale. Secondo stime delle regioni dal 2012 al 2014 i tagli alla sanità  saranno pari a circa 17 miliardi. Tra le misure previste nel decreto ci sarebbero anche i ticket sui ricoveri ospedalieri. Il ministro per la Salute Renato Balduzzi da Bruxelles non ha confermato né smentito ma ha assicurato che contestualmente ai sacrifici il governo alzerà  i livelli essenziali di assistenza (Lea) in modo da garantire (almeno) le patologie più gravi.
Trasporto pubblico locale. Saranno confermati i tagli del 75% decisi da Tremonti (-1,5 miliardi). Di fatto il sostegno nazionale al trasporto pubblico verrebbe azzerato. Per garantire gli autobus nelle città  e i treni pendolari le regioni dovranno per forza alzare le accise sulla benzina. Per il presidente delle regioni, Vasco Errani, il trasporto locale si avvia a diventare una vera «emergenza nazionale».
Enti locali. Ulteriori tagli ai comuni pari a 1 miliardo, 500 milioni alle province.
Fisco. Nel decreto ci sarà  la proroga fino al 2014 della detrazione del 55% sull’efficienza energetica e l’uso del contante solo sotto i 500 euro (la tracciabilità  attualmente è a 2.500). Affidata a una delega fiscale invece la sostituzione del contributo di solidarietà  sui redditi sopra i 300mila euro deciso ad agosto con un aumento di due punti delle aliquote Irpef più alte (i contribuenti attualmente al 41% sopra i 55mila euro e al 43% sopra i 75mila sono 1,5 milioni).
Iva. L’aumento dell’Iva è più di un’ipotesi (è possibile farlo con un semplice decreto ministeriale)ma potrebbe scattare dopo natale.
Casa e beni di lusso. Nuova tassa sull’ormeggio delle barche e sugli immobili di pregio. Scontato il ritorno dell’Ici sulla prima casa con una soglia di esenzione modello Prodi e meccanismi progressivi per chi ha più di un immobile.
Carceri e infrastrutture. Via al piano per la costruzione di nuove carceri da parte dei privati con il ricorso esclusivo al «project financing». Analoga modalità  anche per le infrastrutture strategiche.
Ricerca. Credito d’imposta del 12% dei costi allargato non solo alle aziende che investono nella ricerca pubblica come ora ma anche in quella fatta in proprio («attività  di ricerca industriale e sviluppo sperimentale»).
Imprese. Oltre al taglio dell’Irap, è previsto il rafforzamento del fondo di garanzia per le Pmi (credito fino a 2,5 milioni per ogni azienda) e un credito di imposta del 19% per chi investe in start-up («venture capital»). Anticipato al 2012 il recepimento della direttiva Ue sul pagamento entro 30 giorni da parte della pubblica amministrazione alle imprese (attualmente è 180 giorni). Per il passato, visto che il debito totale dello stato verso privati ammonta a quasi 70 miliardi, si studia un pagamento almeno parziale in Bot e Btp.
Commercio. Liberalizzazione totale degli orari dei negozi ed eliminazione di qualsiasi ostacolo all’apertura di nuovi esercizi.
Farmacie. Tra le ipotesi o la vendita libera delle medicine di fascia C o la liberalizzazione dell’apertura di nuove farmacie.
Carburanti. I benzinai potranno approvvigionarsi senza vincoli da qualsiasi produttore o distributore.
Sviluppo. Il ministero guidato da Passera si “prende” l’Ice e tutte le deleghe sul piano nazionale per l’edilizia abitativa.


Related Articles

Il reddito torna ai livelli di 27 anni fa 8,2 milioni di poveri, sono quasi il 14%

Rete Imprese: anche i consumi in retromarcia, indietro di 15 anni. Nel 2013, entrate in meno per 900 euro. Le piccole imprese si stanno mobilitando per una giornata di protesta lunedì prossimo. Gli effetti della recessione Le famiglie Giù il potere di acquisto. Premi produttività , tassa al 10%

I rifiuti ci costano più dell’Imu per la Tares 80 euro extra a famiglia

IL DOSSIER. Le misure del governo Le tariffe Record della vecchia imposta a Napoli e Venezia. Nel 2013 debutta il nuovo tributo al posto di Tarsu e Tia ma la prima rata slitta ad aprile Il prossimo anno pagheremo in media 305 euro, più del costo dell’imposta sulla prima casa

Cina: si è dimesso il capo delle riserve valutarie

Fondi sovrani. L’uomo invisibile a capo degli investimenti esteri di Pechino annuncia di farsi da parte

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment