L’emergenza e le misure: Quel cancro da sessanta miliardi terza causa di danno all’erario così siamo diventati maglia nera

 

ROMA – È una voragine in cui sprofondano i conti pubblici. Sessanta miliardi di euro che, in un Paese chiamato a stringere la cinghia, rappresentano il costo della corruzione. Il fenomeno, hanno spiegato i giudici contabili, è in costante crescita «e si è insediato e annidato dentro le pubbliche amministrazioni». Finendo per costituire la terza causa di danno all’erario. 
L’ultimo allarme, fatto risuonare nel corso di un’audizione alla Camera dal presidente della Corte dei conti Luigi Giampaolino, ha trovato pronta eco nelle tabelle di Transparency International, che vedono l’Italia scendere in due anni dal 63° al 69° posto dell’indice di percezione della corruzione. Siamo in compagnia del Ghana e delle Isole Samoa e quartultimi in Europa davanti solo a Grecia, Romania e Bulgaria. Non sono numeri vuoti: Transparency ha stimato che per ogni peggioramento in classifica si perde il 16 per cento degli investimenti dall’estero. Al contrario, scalando qualche gradino, si attrarrebbero preziose risorse.
L’economia reale, insomma, risente oggi più che mai dell’effetto nefasto del malaffare. Nelle capitali politiche del Continente, anche in questo campo, hanno puntato gli occhi sul nostro Paese: il Greco, l’organismo del consiglio d’Europa deputato alla prevenzione e al contrasto della corruzione, in un recente rapporto ha espresso preoccupazione per la mancanza di un programma nazionale coordinato e per l’indipendenza “solo parziale” delle strutture chiamate a fronteggiare il ritorno delle mazzette negli uffici pubblici. D’altronde, l’istituzione di un’autorità  unica anti-corruzione sganciata dal potere politico è prevista anche da diverse convenzioni internazionali, dell’Ocse come dell’Uncac, un’organizzazione di Stati nata per combattere le infiltrazioni illecite nell’amministrazione.
Il tutto mentre la nuova legge contro la corruzione, varata dal governo Berlusconi nel marzo del 2010, dopo il sì del Senato attende ancora il via libera definitivo della Camera. Il ministro della Giustizia Paola Severino ha annunciato una riforma per sanzionare nuove figure giuridiche come la corruzione privata all’interno delle imprese. Il crimine, per adesso, corre più veloce delle norme.


Related Articles

Un (possibile) aiuto per evitare le sanzioni Ue

Scade l’ultimatum europeo sul sovraffollamento delle celle Grazie ai giudici, anche il Guardasigilli diventa ottimista

Sanità  pubblica, profitti privati

 

Si chiama ‘intramoenia’. E’ quel meccanismo che permette ai medici del Servizio sanitario nazionale di esercitare attività  in proprio. Risultato: lunghissime liste d’attesaper chi non ha i soldi, truffe, illeciti e scorciatoie per ricchi

Stragi, le rumorose conferme di Napolitano

Il verbale. Le risposte del presidente alle domande dei pm palermitani saliti al Quirinale : nel ’93 le bombe di Cosa nostra furono percepite come un possibile aut-aut allo stato. Ma dal Colle nessun elemento in più sulle paure di D’Ambrosio e qualche risposta secca a magistrati e avvocati: rileggetevi gli atti parlamentari. Vogliamo fare un talk-show?

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment