L’altro Natale: nelle città  associazioni e volontari vicini a poveri, rom e detenuti

ROMA – Vivere e sentire lo spirito natalizio è un diritto anche per chi ognigiorno vive nella sofferenza e nell’emarginazione. Nelle città  italiane simoltiplicano in questi giorni le iniziative solidali. 

A Bologna torna “Un Natale per chi è solo”, il pranzo organizzato al CentroCommerciale Vialarga. Tra gli invitati molti anziani e anche 40 bambini. Aservire oltre a 80 volontari ci saranno anche i ragazzi del centro diaccoglienza del Fratello.  “Non è solo unpranzo, ma è un insieme di solitudini che si uniscono in una comunità  – hadetto Milena Naldi, presidente del Quartiere San Vitale – Il cibo costruiscelegami e gli anziani, i bambini e le persone in difficoltà  sentiranno che c’èuna comunità  vicina che non li lascerà  soli nemmeno gli altri giornidell’anno”. La partecipazione dei Quartieri è stata importante anche persegnalare le persone sole o in situazioni di disagio che vivono sul territorioe che potranno così trascorrere il giorno di Natale in compagnia.L’appuntamento è per il 25 dicembre alle 12 al Centro Commerciale Via Larga conil tradizionale brindisi a cui parteciperanno le istituzioni cittadine. Dopo ilpranzo, la festa continua con musica, giochi e regali. Alla festa sarannopresenti anche i giocatori della Virtus.

A Roma pranzo di Natale con la Comunità  di Sant’Egidio: in tutta la città  10.000 persone, senza fissa dimora, anziani, immigrati,rom e volontari. A Trastevere, dove nel 1982 poche decine di anziani e poveridel quartiere hanno dato vita al Primo Pranzo nella Basilica di S. Maria,  saranno circa 2.000 persone in varie punti delquartiere. 42 i pranzi solidali organizzati in città . Fitta anche l’agenda della Caritas Roma, partita gia’ con ‘Natale solidale inlibreria’ che, fino a domani vedra’ i volontari Caritas nelle librerie ‘Borribooks’ alla stazione Termini e alla ‘Mel bookstore’ di via Nazionale, intentiad incartare i regali acquistati dai clienti e presentare la campagna’Violenza? Proviamo senza!’, cui verranno integralmente devolute le offerteraccolte. Domani e domenica, rispettivamente alle 17 e alle 10, previste leconsuete messe di Natale per senza dimora: la prima all’ostello ‘Don Luigi DiLiegro’ alla stazione Termini, la seconda presso la cappella della Cittadelladella carita’ ‘Santa Giacinta’. Il 31, poi, alle 20.30 la cena e il veglione di Capodanno alla mensa di viaMarsala, dove i volontari distribuiranno pasti e auguri, mentre attenderanno lamezzanotte insieme ai senza tetto. Per il primo gennaio, alle 12.30, e’previsto invece un pranzo preparato dai residenti delle case famiglia di VillaGlori, in collaborazione con le parrocchie della Prefettura VI.

A Milano Vigilia di Natale all’insegna della festa alla Stazione Centrale. City Angels e Sos Exodus organizzano un pomeriggio e una serata in cui siprega, gioca, canta e mangia. Si parte alla 14.30 con la Messa celebrata da donAntonio Mazzi. Dalle ore 16 alle 23 la festa coinvolge i senza tetto dellaStazione e i volontari.

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

“Io, malato di tumore lasciato senza farmaci vi racconto il mio calvario”

Palermo, la testimonianza shock di una vittima. Dopo le intercettazioni ho scoperto che il paziente che protestava alla Latteri ero io, mi costituirò parte civile contro la clinica. Era il mio quinto ciclo di chemioterapia, cominciai ad avere disturbi senza disintossicante, ma la dottoressa diceva: sono sue sensazioni 

Il Papa e i Movimenti popolari. L’esodo possibile qui da noi

Una Terra senza male, una casa da cui nessuno possa cacciarti, un lavoro giusto e dignitoso. Tierra, techo y trabajo, terra, casa, lavoro sono le 3T del Papa, da garantire a tutte e tutti

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment