“Parte la fase Cresci Italia non servirà  un’altra manovra fermeremo gli avvoltoi”

Se la fase uno è stata quella del «Salva-Italia», la fase due avrà  la crescita come obiettivo. E dunque «Cresci-Italia» è il nome che lo stesso Monti dà  al pacchetto di misure che arriverà  a gennaio. In tempo per portarne «una prima tranche» all’Eurogruppo del 23. Uno sforzo non semplice: «Al governo è stato chiesto di fare una corsa ad ostacoli, da fermo e con handicap». Intanto rivendica al suo governo il merito di aver impedito all’Italia «di scivolare a Sud-Est», in Grecia. «Eravamo sull’orlo di un burrone e avevamo forze che ci spingevano. C’erano molti avvoltoi nel cielo: ma non siamo caduti, quindi non ci mangiano». Dunque il peggio sembra passato e il premier esclude ora un’altra «manovra correttiva». Alla conferenza stampa di fine anno il presidente del Consiglio si presenta proiettando un grafico con l’andamento dello spread mese per mese. Anche per smitizzare l’indice che è diventato il totem degli italiani. «Anch’io lo controllo ogni giorno, ma senza divinizzarlo se va bene e senza demonizzarlo se va male». E comunque «nei nostri fondamentali non c’è nulla che giustifichi uno spread così alto». Infine, guardando alla riforma del mercato del lavoro, Monti promette che il suo governo «farà  di tutto per evitare tensioni sociali».


Related Articles

IL CONFRONTO ALL’AMERICANA

  C’È VOLUTO mezzo secolo, ma finalmente ho visto anche in Italia quell’indispensabile rito di buona politica che è il confronto faccia a faccia in diretta tv.
Yes we can,possiamo anche noi avere dibattiti politici civili. Abbiamo raccontato mille volte, invidiato e mitizzato dal 1960 The Debate, il Duello che oppose Kennedy a Nixon, il rito è sbarcato anche sui nostri teleschermi.

I vantaggi di un iter lungo L’affidamento scatterà soltanto in primavera

MILANO — E adesso che cosa succederà appena Silvio Berlusconi la settimana prossima chiederà, come anticipato ieri dall’avvocato Franco Coppi, l’affidamento in prova ai servizi sociali? Succederà niente subito.

Assolto Mannino la trattativa diventa un mosaico illeggibile

 Stato e mafia Ha vinto la linea difensiva che non ha messo in discussione l’esistenza dei contatti tra politici e boss ma ha puntato a smontare la tesi delle responsabilità dell’ex ministro

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment