Tassa su alcolici e cibo-spazzatura così si finanziano i nuovi ospedali

Una tassa di scopo su alcol e junk food per finanziare la costruzione degli ospedali nuovi, la chiusura delle piccole strutture, il ticket modulato a seconda del reddito delle famiglie. Il ministro alla sanità  Renato Balduzzi ha inviato alle Regioni le sue proposte per affrontare i tagli di finanziamenti del fondo sanitario previsti dalla manovra di luglio del governo Berlusconi (da 2,5 miliardi di euro per il 2013 e da 5 per il 2014). Si tratta di un elenco di interventi destinati a far discutere.
C’è il timore di non riuscire più ad assicurare un livello di cura accettabile a tutti i cittadini. L’estate scorsa si era previsto, tra l’altro, di mettere nuovi ticket, dopo quello da 10 euro su tutte le prestazioni, per oltre 2 miliardi di euro, e si erano ipotizzate misure per il controllo della spesa farmaceutica e per beni e servizi. Balduzzi e le Regioni, se vogliono cambiare quelle disposizioni, devono siglare il «patto per la salute 2013-2015» entro il 30 aprile 2012. Si parte da un finanziamento già  stabilito del fondo sanitario: 107 miliardi di euro per il 2011, 108,7 per il 2012, 109,3 per il 2013 e 110,7 per il 2014. Gli incrementi del finanziamento che paga la sanità  delle Regioni sono molto bassi, per questo sono necessari interventi di razionalizzazione della spesa. Ieri Balduzzi inviato le sue proposte alle Regioni, che su alcuni punti non sono d’accordo con il ministro.


Related Articles

Appalti post sisma: quattro arresti

L’AQUILA — Ieri, quattro persone sono finite in carcere nell’ambito dell’operazione «Lypas», condotta dalla procura distrettuale antimafia dell’Aquila, che ha scoperto infiltrazioni della ‘ndrangheta nella ricostruzione privata post terremoto in Abruzzo.

Bambini e psicofarmaci: sale il consumo. Usa: +46 per cento da 2000 a 2010

In Germania, 750 mila bambini hanno avuto diagnosi di Adhd nel 2011: psicofarmaci prescirtti al 7 per cento dei pre-adolescenti tedeschi maschi e al 2 per cento delle loro coetanee. L’associazione GiùleManidaiBambini punta il dito contro gli abusi

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment