“Vèstiti trasparente”: tutto quello che c’è da sapere sulle etichette

Milano“Vèstiti trasparente” è il progetto lanciato da Adiconsum, Assoutenti, Confconsumatori e Movimento Difesa del Cittadino per un approccio informato e consapevole al settore tessile e a suoi prodotti. “Con una spesa media che a livello nazionale raggiunge il 5,8% della spesa mensile – si legge in una nota – in Italia l’abbigliamento e le calzature rappresentano ancora un settore di consumo importante per l’economia nazionale. Ma se sono molti i cittadini che, alla ricerca di un regalo utile per il Natale 2011, hanno deciso di mettere sotto l’albero un caldo maglioncino o una morbida sciarpa, sono ancora pochi i consumatori che, al momento dell’acquisto di un capo, consultano l’etichetta di composizione o ricercano un marchio di qualità . Nasce da questa consapevolezza il progetto “Vèstiti trasparente” realizzato con il contributo della Camera di Commercio di Milano, per orientare i cittadini verso un approccio informato e consapevole al settore tessile e ai suoi prodotti.

“L’etichetta di composizione e le normative che regolano il settore – spiegano i promotori del progetto – sono importanti strumenti di tutela, purtroppo, ancora poco utilizzati. A ciò si aggiunga la scarsa informazione dei cittadini sui prodotti tessili low cost importati da Paesi Extra UE in cui, a differenza della Comunità  europea, il divieto di utilizzare nel processo produttivo sostanze chimiche potenzialmente pericolose non è così stringente. Da sottolineare, inoltre, che la persistenza di alcune sostanze chimiche sui prodotti finiti può causare diverse patologie come ad esempio le dermatiti allergiche da contatto, che in Italia interessano circa il 4% della popolazione”.

Il percorso ha previsto azioni specifiche di informazione e sensibilizzazione che hanno coinvolto cittadini, istituzioni ed operatori del settore; in particolare sono stati realizzati: un dossier scientifico sulle sostanze nocive che possono essere rilasciate dai tessuti e causare varie patologie da contatto, ed un leaflet informativo (presto disponibile in formato elettronico sul sito delle associazioni) rivolto ai consumatori, che riporta le principali normative, le tutele e le informazioni per un “vestire consapevole”. Disponibile on-line anche un modulo di segnalazione – realizzato in collaborazione con l’Area Tutela del Mercato – Servizio accertamenti a tutela della fede pubblica della Camera di Commercio di Milano – con cui il consumatore può segnalare etichette anomale o scorrette.

 

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

L’acqua in guerra sulle sponde dei grandi fiumi: l’allarme degli USA

Acqua ecoinchiesta

Che l’acqua sia un bene prezioso lo sappiamo dagli albori dell’umanità . Che per essa si possano scatenare conflitti ce lo insegna la storia. Che pure gli strateghi del Pentagono disegnino scenari di guerra per l’accaparramento dell’oro blu, è una novità  di questi ultimi tempi. 

Quello scambio che ridà  vita alle cose

 Il ritorno del baratto per combattere gli sprechi evitando l’uso del denaro 

Il Pil è un paradigma da archiviare

Saggi. «Acrescita» dell’economista Mauro Gallegati per Einaudi. Contro l’idea di lavorare per consumare con il Prodotto interno lordo che stabilisce qual è la buona società. Liberarsi di un’ideologia produttivista che nega il buon vivere. Oltre alla teoria, ora si dovrebbe trovare anche il coraggio politico

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment