Birmania, il regime: “Un posto di governo per Aung San Suu Kyi”

Loading

Aung San Suu Kyi, premio Nobel per la pace e leader dell’opposizione birmana, sembra finalmente riscuotere il conto degli anni passati a resistere all’accanimento dell’ex giunta militare contro di lei. La presidenza birmana apre infatti alla possibilità  che “The Lady”, 66 anni, possa ricoprire un ruolo nel governo “civile” se conquisterà  un seggio nelle elezioni suppletive del prossimo primo aprile.
La leader della Lega nazionale per la democrazia (Lnd) potrebbe ricevere un posto «appropriato» nell’alta amministrazione pubblica, ma «è anche possibile che sia nominata nel governo», ha dichiarato all’Afp Nay Zin Latt, consigliere della presidenza birmana


Related Articles

Decreto sicurezza bis. La guerra di Salvini alle ONG: multe milionarie e prigione

Loading

Gli emendamenti di Lega e 5 Stelle al decreto sicurezza bis. Previsto il sequestro immediato della nave che non rispetta il divieto di ingresso

I “mezra”, lager per i migranti in Libia: torture, stupri, pestaggi ed elettroshock

Loading

La parola in arabo vuol dire magazzini: sono i luoghi in Libia dove i trafficanti ammassano le persone che cercano di arrivare in Europa. Ecco cosa racconta chi è sopravvissuto all’orrore. E ora la procura arresta un presunto torturatore

Senato, Pietro Grasso: «La tortura è reato di pubblico ufficiale. Lo dice l’Onu»

Loading

Il Senato si sblocca. Dopo dieci mesi di stand-by riprende oggi in Aula l’iter del testo. Maggioranza divisa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment