Chiusura Opg, Gonnella: “Il problema non è superato”

ROMA – “C’è una buona intenzione di fondo, un tentativo di umanizzare gli Opg ma il problema non è superato”. E’ il commento di Patrizio Gonnella, presidente di Antigone sull’emendamento approvato ieri in Senato che porta alla chiusura dei manicomi criminali prevista per il 31 marzo 2013. “La buona intenzione è quella di fare prevalere il momento della cura sul momento della custodia. Gli indecenti 6 Ospedali psichiatrici giudiziari oggi esistenti vengono chiusi, ma bisognerà  evitare che queste strutture si trasformino in piccoli manicomi regionali – continua – l’idea è di tenere dentro solo i socialmente perciolosi e non trattarli più da bestie. Ma sarebbe sbagliato considerarlo un provvedimento epocale”. Secondo Gonnella “ben diverso sarebbe stato un provvedimento che superasse queste strutture ma bisognava avere il coraggio di una riforma penale più estesa”. (rc)  

© Copyright Redattore Sociale


Related Articles

Droghe, “riformatori” in rete

L’Europa è la culla della riduzione del danno, la strategia che da oltre vent’anni sfida la fallimentare guerra globale alle droghe. E in Europa sta oggi nascendo una rete organizzata tra associazioni, servizi, operatori (EuroHrn) che a Marsiglia (il 6 e il 7 ottobre) ha mosso i primi passi. Due giorni affollati e appassionati, ma anche estremamente lucidi, perché nella geografia diseguale della riduzione del danno nella UE, vi sono sfide che si sono rivelate urgenti e comuni.

L’Italia fuma meno e fa più sport ma per la prima volta diminuisce la speranza di vita

Il dossier. La fotografia del rapporto Osservasalute 2015: un’inversione di tendenza legata alla crisi economica e alla disparità nei livelli di cura tra le Regioni

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment