Flc-Cgil: concorsi per 50 mila ricercatori

Cinquantamila concorsi per i ricercatori universitari entro il 2018, rifinanziamento del diritto allo studio, ritiro dei tagli ai fondi di atenei. La Flc-Cgil chiede al governo Monti lo stanziamento straordinario di 2,5 miliardi di euro per l’università  e 1 miliardo per gli enti di ricerca. Il progetto è stato presentato ieri da Domenico Pantaleo, segretario generale Flc-Cgil, per affrontare la doppia emergenza che gli atenei affronteranno nei prossimi mesi. In primo luogo, c’è l’ingorgo prodotto dalla riforma Gelmini che ha messo nello stesso calderone i ricercatori strutturati (24.939) e quelli precari (25.204). La legge crea le condizioni per una «guerra» tra ricercatori e precari che si contenderanno un posto da professore. Poi c’è il blocco delle assunzioni che, insieme al ritardo dell’approvazione del decreto sull’abilitazione nazionale alla prima e alla seconda fascia di insegnamento, rischia di espellere due generazioni di precari dall’università . Visto che i tempi dell’abilitazione si allungano olte misura, Flc propone di procedere immediatamente al reclutamento di 30 mila ricercatori a tempo determinato («di tipo B», la famosa tenure track) e 20 mila nuovi professori associati. «In questo modo – spiega Francesco Sinopoli, segretario nazionale della Flc – ci sarebbe un ricercatore ogni venti studenti, secondo quella che è la media Ocse e si risolverebbe l’assurdo prodotto da questa legge che crea due tipi di ricercatori precari: solo uno potrà  essere assunto». Il reclutamento straordinario, insieme alla cancellazione del taglio di 1,3 miliardi al fondo per gli atenei imposto dal governo Berlusconi e accettato da Monti, è necessario per invertire il calo dei docenti che passerà , entro il 2018, dagli attuali 62.700 a poco più di 44 mila, collocando il nostro paese agli ultimi posti tra i paesi avanzati. «Un solo dato può far capire il dramma che stiamo vivendo – aggiunge Pantaleo – in Germania solo i docenti sono all’incirca 170 mila. Se non invertiamo questa tendenza, l’università  tornerà  ad essere un’istituzione riservata a poche élite, com’era prima del 1968». Nel ventaglio delle proposte per «ricostruire l’Italia», Flc ha inserito una serie di misure che prevedono il rifinanziamento del diritto allo studio (oggi fermo a 98 milioni di euro, in Germania è a quota 1,4 miliardi), la scuola e gli enti di ricerca. «Per questi ultimi – continua Pantaleo – riteniamo indispensabile un miliardo di euro che servirà  ad incrementare il loro fondo annuale e anche a stabilizzare i precari». Fortemente contraria all’abolizione del valore legale del titolo di studio («scompone l’omogeneità  del sistema universitario e produrrebbe un sistema diviso tra chi ha risorse e chi non le ha»), Flc propone anche di «introdurre il meccanismo della chiamata diretta», un’idea che potrebbe rivoluzionare il sistema dei concorsi. «Il governo Monti – conclude Pantaleo – ha un’attitudine ad ascoltare, ma non a confrontarsi. Francamente non vedo un’inversione di tendenza rispetto a quello precedente».


Related Articles

Il risparmio La riscossa dei Btp people in tre giorni piazzati 5,7 miliardi

Com’è andata l’asta del Tesoro Superate tutte le più rosee previsioni nel collocamento, un risultato che conferma il ritorno della fiducia Il 27,4% degli ordini riguarda titoli per un valore compreso tra i mille e i 10 mila euro    

Ilva, Emiliano fa ricorso contro il decreto del governo

Taranto. Nuovo studio sulle morti da inquinamento nei quartieri limitrofi all’acciaieria: aumento dei casi di tumore a causa delle polveri sottili. Il governatore pugliese: «Lo stabilimento va fermato o rallentato per diminuire al minimo i danni»

La Francia conquista Parmalat

Nel 2001 Amato bloccò Edf in Montedison diritti di voto congelati, ma la Ue ci condannò. Lactalis compra dai fondi esteri e sale al 29%. Il titolo crolla in Borsa: -7%

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment