Italia Declassata, che succede

È solo un giudizio, non è oro colato. Quando arriva la scure di un voto negativo di una grande agenzia di rating, dopo il primo contraccolpo, si reagisce in genere ridimensionando ciò che è avvenuto. E aggiungendo poi che il mercato sapeva da tempo dell’imminente declassamento e lo ha già  scontato nei fatti. 
Tutto vero, anche ora, quando a colpire duro mezza Europa, con l’Italia retrocessa in serie B, è stata Standard & Poor’s. E quando c’è da aspettarsi che tutti i Paesi del Vecchio Continente facciano muro per neutralizzare quello che è apparso un attacco politico e ingiustificato.
Ma non lo è completamente. Innanzitutto perché il giudizio di S&P potrebbe non risultare isolato ma potrebbe a breve essere seguito da analoghe iniziative da parte delle altre due agenzie di rating internazionali Fitch e Moody’s. E allora sarebbe più complicato evitare scossoni. E poi perché ci sono normative che — in attesa di interventi di modifica da parte dei regolatori, delle Autorità  monetarie e dei governi — richiedono e considerano i rating. Senza contare che in ultima analisi gli investitori si comportano come credono.
Certo se si guarda alla reazione dei mercati, sull’Europa pende un pericolo ben più grave dei cattivi voti di S&P: il possibile default della Grecia dopo lo stop delle trattative sul coinvolgimento dei creditori privati che hanno in mano bond ellenici per 206 miliardi di euro. Il cattivo voto dell’Italia — BBB+ — va considerato in questo più ampio scenario europeo perché la tenuta del nostro Paese significa la tenuta dell’intera costruzione unitaria. 
Ma ci potranno essere conseguenze specifiche e immediate, per i conti pubblici, per il credito e le assicurazioni soprattutto se dopo quella di S&P ci saranno altre bocciature.


Related Articles

A fine 2012 si arriverà  a un miliardo di ore di cassa integrazione

 

Lo prevede la Cgil: “Da gennaio a fine settembre siamo giunti a 800 milioni di ore, più di quante registrate nel 2011. Dati che delineano una vera e propria economia di guerra”. Il 20 ottobre manifestazione nazionale a Roma

Etruria, il pm alza il tiro ipotesi truffa sui bond Verifiche allargate a Consob e Bankitalia

Dopo gli esposti dei risparmiatori, configurato un nuovo reato. Le attività di controllo sotto esame: il dubbio è che ci siano state omissioni. Nel dossier di Via Nazionale la pioggia di consulenze milionarie

Il Financial Times “Per Monti percorso a ostacoli”

“Le lobby italiane frenano le riforme di Monti”, è il titolo dell’articolo pubblicato ieri dal Financial Times e dedicato alle liberalizzazioni.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment