La sofferta e incerta conoscenza di un genocidio da collocare nella Storia

La filosofia occidentale si è sempre nutrita della propria voce, come ha criticamente ribadito, non da ultimo, Jacques Derrida in Timpano. Gli eventi esterni hanno potuto fare poco per distoglierla dall’ascoltare soprattutto se stessa. La Shoah, anche in questo specifico argomento, segna una rottura. Non solo rende difficile rintonare il pensiero alla malia della propria voce, ma mette addirittura in discussione la stessa possibilità  della filosofia e, in modo specifico, dell’etica. Sul rapporto del pensiero al cospetto della Shoah si è sviluppata un’ampia ricerca che ha all’attivo una consistente bibliografia. In questo ambito, di particolare importanza sono i testi nei quali chi svolge la riflessione è anche la persona che ha fatto esperienza diretta del campo di concentramento come accade con il sopravvissuto, filosofo e teologo Emil L. Fackenheim, del quale ci si è iniziato ad interessare anche in Italia come attestano le recenti pubblicazioni di Tiqqun. Riparare il mondo (Medusa) e Un epitaffio per l’ebraismo tedesco(Giuntina). A questi libri si deve ora aggiungere il testo Olocausto (Morcelliana, a cura di Massimo Giuliani, pp. 55, euro 8) nel quale Fackenheim (1916 – 2003) affronta in modo più sintetico temi svolti in maniera più distesa ed elaborata in Tiqqun.
La questione di come pensare la Shoah coinvolge argomenti quali la memoria, la testimonianza, la rappresentazione, la divinità . Tutti questi aspetti vengono affrontati lungo un crinale che spesso cede alle idee d’indicibilità , unicità , impensabilità  di cui Auschwitz è diventato il luogo per eccellenza e che in ragione di ciò è spesso utilizzato del tutto fuori contesto ogni qualvolta che si deve evocare un inarrivabile culmine di mostruosità . Il paradigma dell’indicibilità  non è soltanto evocato, ma anche altrettanto spesso utilizzato contro quelle ricognizioni storiografiche, filosofiche nonché contro opere letterarie e film che invece cercano di trovare un modo per parlare della Shoah. Sotto questo profilo, il libro di Fackenheim può essere considerato come una riflessione che esprime una posizione moderata da inserire nel versante che vede con favore la rappresentabilità  e dunque la pensabilità  della Shoah. Fackenheim ritiene che la Shoah sia un «evento unico» nella e non della storia, tale da configurare una sorta di sommità  metafisica con tutto ciò che ne consegue in termini religiosi e sacrali. A tal proposito il filsofo scrive che «non si può negare, certo, che Auschwitz sia stato “un altro pianeta”, ossia che si sia trattato di un mondo a parte con leggi, codici di comportamento e persino un linguaggio in proprio. Con tutto ciò, e pur essendo senza precedenti, piuttosto che unico, esso va fermamente situato nella storia».
Proprio perché è un evento nella storia, per l’autore la Shoah può essere definita come «un genocidio». (È da notare che questa espressione compare significativamente anche come sottotitolo del recente e importante libro dello studioso americano Donald Bloxham, Lo sterminio degli Ebrei, Einaudi). Per Fackenheim, la Shoah manterrà  sempre degli elementi difficili da comprendere e immaginare, ma ciò non inficia completamente la possibilità  per noi e le generazioni future di rapportarsi a essa. Anzi, su questo aspetto sta uno degli spunti più importanti del libro di Fackenheim e cioè che la Shoah vada affrontata anche prendendo in considerazione proprio il «non-comprendere», ossia un capire non totalizzante, un conoscere che non vuole chiudersi in un sapere assoluto. Qui Fackenheim sembra raccogliere la critica alla forza soffocante del comprendere di Bataille, Lévinas, Jankélévitch e trattare paradossalmente come una risorsa positiva anziché come un ostacolo lo stesso non-comprendere: forma aperta che proprio grazie alla sua impersuasione agisce come pungolo della memoria che stimola a colmare e non solo a subire le lacune della conoscenza. Se per Fackenheim conoscere non è sinonimo di sapere, è però certamente sinonimo di costruire, riparare e cioè agire per il futuro. In questa idea sta l’altro elemento cospicuo della conoscenza applicata alla Shoah di Fackenheim che sottolinea l’importanza di proiettare nel futuro gli elementi che si hanno a disposizione dal passato e non risospingerli soltanto indietro con il rischio di allontanarli troppo dal presente.
Meno audaci invece e pericolosamente ancora tentate dall’orizzonte della sacralità  della Shoah, sono le sue argomentazioni teologiche che sfociano poi nella politica: «Dopo tali eventi, porre fine all’esilio significa esprimere una volontà  e fedeltà  alla vita. Il prodotto di tale fedeltà  – lo Stato ebraico – è ancora fragile e in un mondo che fatica comunque a capire. Se sull’onda dell’Olocausto non fosse già  sorto uno Stato ebraico, sarebbe una necessità  religiosa crearlo ora».


Related Articles

Una differenza al settimocielo

CONCILIO VATICANO II
L’appuntamento che ha cambiato il rapporto tra il Vaticano e la realtà . Per le donne ha significato l’avvio di una trasformazione ancora in atto L’evento conciliare in sé e i processi da esso promossi possono essere considerati l’inizio di una trasformazione profonda nella storia del rapporto tra Chiesa cattolica e soggettività  femminile.

Inviati siriani in America Latina. «Assad cerca asilo»

E l’amministrazione Obama conferma «Offerte dal Medio Oriente e non solo»

C’è il patto Renzi-Alfano “Via le adozioni entro venerdì la fiducia”

Il premier a Ncd: “Reversibilità e cognomi restano” Il sì della Cirinnà. Orfini: stepchild in un’altra riforma

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment