L’eldorado della lingerie

Lo rivela uno studio, quanto mai seducente, del fondo di private equity Mandarin Capital, secondo cui le maggiori aziende di lingerie dovrebbero affrettarsi a sbarcare nella prima economia dell’Asia. Dove non esistono ancora leader locali (la penetrazione del primo produttore non va oltre il 5% di quota di mercato) ma esiste un esercito di 570 milioni di donne sopra i 15 anni che sta cominciando a spendere per reggiseni e affini oltre 8 miliardi di euro all’anno, con tassi di crescita del 20-30 per cento a stagione. Per gli analisti di Mandarin si tratta di un business che i grandi marchi non possono ignorare. E nemmeno i mariti e i compagni delle donne cinesi se cominceranno a vestirsi come modelle di Victoria’s Secret o Cacharel.


Related Articles

La Procura boccia il piano Ilva Scatta la protesta degli operai

TARANTO — Sono in pochi ma sanno come farsi sentire. «Siamo pronti a tutto, ditelo a chi vuole farci chiudere», «non chiamateci più operai, siamo soldati», «si svegliano tutti adesso e pretendono cose impossibili. Non lo sapevano finora che qui si fa acciaio e non cioccolatini?».

Fusione Fiat Industrial-Cnh in estate Sede ad Amsterdam, titoli a New York e Milano

Marchionne: “Il nuovo gruppo avrà  la flessibilità  necessaria per perseguire le migliori scelte”

Sciopero generale, in piazza anche il Pd

Domani la protesta nazionale indetta dalla Cgil per un cambio di politica economica
Manifestazioni in tutta Italia. Camusso: «Chiamiamo in causa il governo e le imprese»
Domani sciopero generale di 4 ore (ma saranno il doppio per molte categorie): la Cgil torna in piazza per un fisco più equo e perché il lavoro sia la via per la crescita. Il sostegno del Pd e di altre forze dell’ opposizione.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment