L’ULTIMISSIMA PROROGA

Prima c’è stata una normale proroga di sei mesi per consentire alle parti di trovare un nuovo accordo dopo lo stop imposto dall’allora ministro dell’Economia Giulio Tremonti. Dopo, è arrivata la proroga “tecnica” di un paio di mesi per rimettere in carreggiata una trattativa che, in effetti, è deragliata dopo l’arrivo del nuovo governo Monti e l’intervento del ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera. Ma l’ultimissima proroga dei patti di sindacato tra i francesi di Edf e le utility italiane guidate da A2a e Iren, che viene annunciata oggi, ha tutti i crismi per essere definita quella definitiva. Da qui al 15 febbraio, si consumeranno le ultime sette settimane di una convivenza mai riuscita industrialmente e avara di soddisfazioni finanziarie. Una costruzione che la spallata di Passera ha contribuito a smontare. Dopodiché gli italiani potranno dedicarsi al soglio della grande multi-utility da realizzare attorno a Edipower e i francesi alla trasformazione di Edison in una gas company con cui ovviare ai problemi crescenti nel nucleare transalpino. Poche settimane per dirsi addio, qualche anno per scoprire chi ha giocato con le carte vincenti.


Related Articles

Per l’Italia via libera sul deficit Ma l’Europa: margini ristretti

BRUXELLES — Alla fine, l’Italia ha ricevuto la sua assoluzione, e anche le sue penitenze. La procedura di infrazione impostale dall’Unione Europea nel 2009, per l’eccessivo deficit nei suoi bilanci pubblici, può essere chiusa. Alcuni sacrifici decisi dai vari governi sono serviti, almeno per le casse statali se non per le famiglie, e alcune voragini finanziarie si sono colmate «per un significativo risanamento di bilancio».

“I prezzi del gas torneranno a salire pronti a investire sul nucleare italiano”

Mestrallet, numero uno Gdf Suez: regole certe per le rinnovabili. A noi interessa collaborare nel business dell’acqua, sulla vendita del 5% di Suez Energia nessuna decisione

1 maggio: “Non fate più scommesse con la figlia del droghiere”

  La Thatcher divide ancora – Foto:ritrattidisignore.wordpress.com

Per i giovani italiani la festa del primo maggio è associata al tradizionale concertone di Roma, unico strumento rimasto ai maggiori sindacati italiani per comunicare con una generazione per la quale il lessico sindacale significa sempre di meno. Eppure, anche per i giovani che non l’hanno mai conosciuta, quello del 2013 sarà  un primo maggio senza Margaret Thatcher.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment