«Gli appalti in cambio di case per i figli»

MILANO — Appalti ospedalieri in cambio di case a prezzi scontati per i figli. È l’accusa che fa finire sotto inchiesta per corruzione Pasquale Cannatelli, 65 anni, direttore generale dell’ospedale Niguarda di Milano. Così le indagini sul crac della società  Pellicano e dell’immobiliare Mais fanno scoppiare anche una bufera su uno dei manager preferiti da Roberto Formigoni e, come lui, esponente di spicco di Comunione e Liberazione. La Guardia di Finanza ieri ha fatto perquisizioni sia al Niguarda sia nell’appartamento di Cannatelli a Seregno (alle porte di Milano). L’ipotesi di reato è contenuta nell’ordinanza di custodia cautelare per l’ex assessore regionale della Lombardia, Massimo Ponzoni (Pdl). Tutto succede tra il 2006 e il 2007. L’indagine dei pm Walter Mapelli, Donata Costa e Giordano Baggio ruota intorno alla figura di Pietro Rivoltella, imprenditore cui è riconducibile la società  di pulizie B&B e considerato uno dei finanziatori di Ponzoni. In quel periodo l’impresa di Rivoltella sigla un contratto biennale da 11 milioni con il Niguarda. Contemporaneamente, il 13 marzo 2006, Cannatelli acquista dalla Serema immobiliare (tra i cui soci c’è lo stesso Ponzoni) due appartamenti a Seregno per i figli con uno sconto di 120 mila euro. Per i pm, Ponzoni all’epoca ha intrattenuto rapporti sia con l’imprenditore Rivoltella, suo finanziatore, sia con il direttore generale di Niguarda Pasquale Cannatelli. 
Di qui le conclusioni del gip Maria Rosaria Correra: «Rivoltella ha finanziato Ponzoni per essere favorito dal direttore generale di Niguarda, Pasquale Cannatelli, consentendogli di ottenere in appalto il servizio di pulizie. Cannatelli è stato, a sua volta, remunerato da Ponzoni con un consistente sconto sugli appartamenti per i figli».
Frena Mario Brusa, legale di Cannatelli: «Sono solo ipotesi, i fatti sono tutti da verificare».


Related Articles

Droghe low cost, l´allarme dell´Europa

Il nuovo Rapporto dell’Osservatorio europeo sulle droghe (la Repubblica, VENERDÌ, 24 NOVEMBRE 2006,

“Una panacea per la terza età ” la nuova frontiera della marijuana

Platshorn, 69 anni, ha fondato il Silver Tour: visita ospizi e luoghi di culto per promuovere la legalizzazione della cannabis Negli Usa 17 Stati consentono l’uso terapeutico dell’erba. E presto si voterà  in Florida dove si conta sull’elettorato anziano Un giudice della Corte Suprema affetto da cancro: “È una cura. Non criminalizziamola” Il proselitismo tra gli over 65 è strategico: hanno il minor tasso di astensionismo

Don Zappolini (Cnca): “Le donne esigono politiche adeguate ai loro progetti di vita”

La denuncia del presidente del Coordinamento nazionale comunità  di accoglienza verso le politiche del governo: “Donne italiane le prime a pagare per i tagli ai fondi sociali e ai bilanci degli enti locali”

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment