Manovre Annullate il Divario Usa-Israele

Domani atterra in Israele il generale Martin Dempsey, uno dei più ascoltati consiglieri militari di Obama (l’unico presidente americano dell’ultimo trentennio che non sia mai venuto a Gerusalemme) e non vedrà  solo colleghi: probabilmente andrà  anche dal premier Benjamin Netanyahu. Per parlare meglio del piano d’attacco, già  pronto, che gli israeliani metterebbero in calendario in primavera o subito dopo le elezioni americane di novembre. 
Non saranno incontri piacevoli: all’ultimo minuto, il Pentagono ha annullato l’esercitazione missilistica congiuntaAustere Challenge, prevista per aprile. 
Motivo: non si vuole provocare più di tanto Teheran, dopo le (timidissime) aperture e le evidenti fratture interne nel fumo della retorica antioccidentale. Il Wall Street Journal scrive che la Casa Bianca è quasi rassegnata a un blitz israeliano e ha già  allertato, per esempio, i 15 mila americani rimasti in Iraq, possibile oggetto di rappresaglie sciite. Ancora si lavora per evitare che il Mossad faccia da sé, com’è stato probabilmente (lo rivela Time) nell’uccisione dell’ultimo scienziato nucleare iraniano. 
Ci sono però divergenze strategiche fra Washington e Israele e da Gerusalemme non ne fanno mistero, parlando attraverso il vicepremier Moshe Yaalon di «delusione», criticando le «indecisioni» dell’amministrazione Usa e plaudendo invece il piglio di Francia e Gran Bretagna. In realtà , è stato il medesimo Netanyahu a dimostrare che a Teheran ci sono crepe, che l’economia vacilla: l’Iran ha minacciato i Paesi del Golfo, guai a chi rimpiazzerà  il petrolio degli ayatollah con greggio comprato altrove. Prima delle esercitazioni, chissà  che non sia meglio continuare con le sanzioni.


Related Articles

Puigdemont non chiede asilo in Belgio, ma non torna a Barcellona

Crisi catalana. Dovrà comparire davanti al giudice per il reato di sedizione già giovedì o venerdì. Dal Belgio, il president accetta la sfida elettorale: «Ci atterremo al risultato».

Addio Nato e mamma America glossario delle verità  scadute

Bisogna aprirsi a nuove strategie cognitive, liberarsi dalle certezze dell’abitudine. Dopo le vicende della Libia, il caposaldo di “Papà  Europa” comincia a tramontare

BENE, MA NON BASTA

Da oggi i palestinesi sono meno soli. L’Assemblea ha riconosciuto alla Palestina lo stato di osservatore delle Nazioni unite. È un fatto «storico», anche se molta strada resta da fare. È una vittoria dei palestinesi che rifiutano l’uso delle armi. Forse anche questo è un frutto della primavera araba, pur a fronte delle battute d’arresto o degli arretramenti che questa esperienza sta vivendo.

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment