Miami, via la console venezuelana sospettata di tramare con l’Iran

Una ritorsione ad un presunto episodio di guerra informatica organizzato, nel 2006, da Venezuela e Iran contro gli Usa. Immediata la smentita del presidente Hugo Chà¡vez: «Washington si è inventata il “complotto” — ha detto Chà¡vez nel corso del suo programma Tv Alà³ presidente —. La minaccia in realtà  è nei nostri confronti». 
Il caso era emerso alla metà  di dicembre, ma Washington ha deciso di usarlo in queste ore per lanciare un messaggio preciso. Da oggi sarà  in America Latina il presidente iraniano Ahmadinejad che visiterà  Venezuela, Nicaragua, Cuba e Ecuador. Una missione che rientra nella «strategia periferica» dell’Iran che ha tre obiettivi: creare strutture per aggirare le sanzioni; ampliare i rapporti con Paesi avversari degli Usa; estendere la presenza diplomatica e segreta (con agenti dell’Armata Qods) nella regione. 
Un’offensiva sorvegliata dagli Stati Uniti e Israele, che hanno più volte segnalato le ramificazioni khomeiniste. E proprio nell’ambito di questi rapporti — sostengono le autorità  statunitensi — sarebbe nato il piano di cyberwar, un progetto per introdursi via Internet in impianti sensibili degli Usa. Nel mirino centri legati alla difesa, industrie e siti nucleari. Livia Acosta Noguera, nel 2006, era basata in Messico ed è qui che avrebbe iniziato un’attività  di reclutamento tra gli studenti della celebre Unam, l’università  della capitale. Nell’operazione sarebbero poi entrati personaggi iraniani, alcuni dei quali vicini ai servizi segreti. In base ad una ricostruzione l’avvio del progetto è coinciso con il viaggio del presidente venezuelano Chà¡vez a Teheran.
Le rivelazioni sugli hacker seguono le informazioni sulla rete di trafficanti di droga, attiva tra Canada, Usa e Sudamerica, dove la figura chiave era un esponente degli Hezbollah.
Diverse indagini hanno mostrato come il tandem Hezbollah-Iran stia lavorando da anni nello scacchiere latino. I Pasdaran — e l’Armata Qods — delegano agli alleati libanesi molte attività  riservate. Dallo spionaggio alla creazione di avamposti, sotto la copertura di imprese commerciali. L’isola di Margarita in Venezuela, Ciudad del Este in Paraguay e altre località  â€” una anche a Cuba — sono diventate punti d’appoggio essenziali. Teheran ha poi usato un collegamento aereo con il Venezuela per trasferire materiale e personaggi sospetti.
Una cooperazione che agli occhi degli Usa diventa ancora più grave in queste settimane di tensione con l’Iran. Gli iraniani hanno ribadito ieri la volontà  di chiudere Hormuz in caso di nuove sanzioni, hanno annunciato la cattura di una spia americana accusandola di possibili sabotaggi ed hanno rivelato progressi nella ricerca nucleare.


Related Articles

Zapatero in picchiata libera

Povero Zapatero e povera Spagna. L’uno e l’altra passati nel giro di un paio d’anni dagli altari alla polvere. La crisi finanziaria, poi economica, poi sociale (4.5 di disoccupati, più del 20% della forza lavoro, il doppio della media europea) hanno asfaltato entrambi. Che ora annaspano in una spirale senza fine.
La militarizzazione dei controllori di volo per riprendere il controllo degli aeroporti pone vecchi e irrisolti problemi sulle liceità  e modalità  di certi scioperi («2400 persone non possono sequestrare un paese»).

Catene ai cancelli e barricate. Si fermano i pozzi di petrolio

BREGA (Libia centrale) — Catene in acciaio massiccio ai cancelli e barricate con sbarre di ferro a bloccare chi non avesse capito. La maggior raffineria nel centro del Paese da cinque giorni è chiusa. «Motivi di sicurezza. La Libia è nel caos. Per quello che ne sappiamo proprio qui potrebbe iniziare da un momento all’altro una delle battaglie principali tra rivoltosi e forze pro Gheddafi» , dicono le guardie.

Fine della trasmissione

GRECIA La polizia sgombera Ert, l’ex tv di stato occupata e tenuta in vita dai dipendenti
Intervento della polizia. Dopo 5 mesi di autogestione il governo Samaras chiude il caso

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment