Negozi, Crediti, Bollette riviste le Liberalizzazioni

ROMA — Da oggi l’atteso decreto sulle liberalizzazioni sarà  legge. Farmacie, taxi, professionisti, servizi pubblici locali, banche, assicurazioni, benzinai saranno coinvolti da nuove norme che ne dovrebbero aumentare la concorrenza a vantaggio dei consumatori e della crescita economica. Nel dettaglio sono ancora possibili cambiamenti con i benzinai che ieri hanno minacciato dieci giorni di sciopero e con le farmacie che promettono proteste clamorose se l’esecutivo non verrà  incontro alle loro richieste. Il Consiglio dei ministri convocato in mattinata approverà  anche un pacchetto di norme sulle semplificazioni e un altro decreto ad hoc riguarderà  le infrastrutture, le facilitazioni per le imprese di costruzione e il project financing. Connesso con questo decreto nel pre Consiglio si terrà  una riunione del Cipe per sbloccare una serie di opere. Palazzo Chigi affronterà  anche il tema della revisione del beauty contest per le frequenze televisive con il ministro dello Sviluppo economico Corrado Passera deciso ad abbandonare l’assegnazione gratuita. È atteso anche un provvedimento per accelerare i pagamenti (futuri) per i fornitori della pubblica amministrazione con maxi interessi trascorsi oltre 60 giorni. Ci sarà  anche il blocco degli appalti per le amministrazioni senza soldi. Come si vede il piatto è ricchissimo e il presidente del Consiglio Mario Monti ieri è andato al Quirinale per illustrare al capo dello Stato Giorgio Napolitano l’impianto del complesso intervento sulla concorrenza. Con possibili sorprese dell’ultima ora. Il sottosegretario Antonio Catricalà  ha ricevuto ieri molte delegazioni di partiti (la più agguerrita quella del Pdl) per cercare di modificare o addolcire il decreto. E qualcosa è successo già  nell’ultima versione: sono scomparse le norme sulle spiagge, le poste e la deregolamentazione dei saldi. Alleggeriti alcuni interventi sulle farmacie e sulle banche. Per queste ultime è caduto il divieto di vendere polizze assicurative abbinate ai contratti di mutuo o di finanziamento stipulati alla clientela.


Related Articles

Solo 2,5 miliardi nelle casse di Atene senza accordo salteranno stipendi e pensioni

In mancanza di un governo filo-Trojka a rischio i 30 miliardi di aiuti internazionali previsti per giugno  I costi del contagio, in caso di uscita di Atene dall’eurozona, possono rivelarsi alti. È in corso una guerra di nervi A giugno è prevista una nuova sforbiciata alla spesa pubblica. Ma il Paese potrebbe anche riaprire i seggi elettoraliVa in scadenza un bond da 450 milioni Non pagarlo equivale a vivere una specie di mini-default

Frenano le retribuzioni orarie Cresce il divario dall’inflazione

Frenano le retribuzioni orarie Cresce il divario dall'inflazione

Si allarga il divario tra prezzi e retribuzioni orarie. Secondo le rilevazioni dell’Istat a settembre gli stipendi pagati per ogni ora di lavoro sono cresciuti solo dell’1,4% rispetto a un anno fa, contro il +3,2% fatto segnare dai prezzi. In attesa di rinnovo ancora 34 contratti, di cui 16 della pubblica amministrazione

Rcs, Rotelli sale ancora e diventa primo azionista

Il re della sanità  lombarda “sfila” a Della Valle le quote del gruppo Toti e arriva al 16,5%   Pagato un prezzo doppio rispetto alla Borsa. Ma in cda si assicura il posto delle minoranze

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment