Anche la Fatwa Cinguetta su Twitter ma i Social Media non vanno censurati

E ora rischia la pena di morte. Hamza Kashgari, scrittore e giornalista, ha «twittato» rivolgendosi al Profeta: «Nel giorno della tua nascita, dirò che ho amato alcuni tuoi aspetti, ne ho odiati altri e diversi non li ho capiti». In poche ore, sui social media è esplosa la rabbia: accuse di blasfemia, minacce, taglie sulla sua testa, «fatwe» dei religiosi via Twitter e YouTube. Hamza è fuggito in Malesia ma è stato catturato, estradato, e sarà  processato. Aveva creduto che il sito di micro-blogging gli potesse permettere una maggiore libertà  di espressione rispetto ai giornali del Regno. Non ha funzionato. Come lui, diversi suoi amici, dopo l’episodio hanno cancellato il proprio profilo. Ma la colpa non è di Twitter. Né il caso dovrebbe alimentare idee di censura, come quelle di David Cameron dopo i disordini di Londra. 
Il problema, come dice da anni lo studioso di new media Evgeny Morozov, sono le visioni rosee che ignorano gli aspetti negativi della Rete. Le visioni rosee spingono a commettere errori. Gli attivisti liberal non sono gli unici a usare le nuove tecnologie: ad esempio, in Arabia Saudita dopo la resistenza iniziale, i religiosi e i loro seguaci hanno abbracciato le chat e YouTube per fare proseliti e, su Twitter, secondo alcune stime, sono loro i più seguiti (anche se solo l’1% degli abitanti twitta). I conservatori monitorano i rivali, pronti a usare le loro stesse parole per colpirli, e lo fanno pure i governi autoritari che infiltrano questi spazi. Hamza era cresciuto in un ambiente conservatore e si era «aperto all’umanità » dopo aver abbracciato il web, dicono gli amici. L’apertura a volte spinge a dimenticare i tabù.
Resta il fatto che strumenti come Twitter sono vitali in Paesi dove lo Stato controlla i media: possono essere usati per ottenere e diffondere informazioni, creare rapporti, mobilitare la gente. Dare la colpa a Twitter vuol dire darla vinta proprio a chi cerca di scoraggiare l’uso di questi «spazi aperti».


Related Articles

Il sogno infranto di Sajida e dei 6 afgani bimbi morti in mare ai confini dell’Europa

Due naufragi al largo della Turchia. A settembre la foto di Alan suscitò lacrime e sdegno, ma da allora sono almeno altri cento i piccoli annegati. La Ue sanziona l’Italia: “Non registra le impronte digitali”

Profughi, Napolitano frena il governo “Niente allarmismi sugli sbarchi”

BERLINO – L’emergenza c’è. Ma, avverte Giorgio Napolitano, «lo sbarco immigrati dalla Libia va affrontato senza allarmismi, senza vittimismi». Alla fine di due giorni di visita di Stato in Germania, il Presidente della Repubblica lancia il suo appello a valutare «freddamente» il dramma-Libia. «Il problema non è solo dell’Italia, è un problema dell’Europa intera. Solo così, e solo con una politica comune che regoli la questione dell’asilo, il problema può essere affrontato». Una visita che, nel suo giorno, è stata «turbata» da un incidente scoppiato dopo l’intervista del ministro degli Esteri Frattini al Financial Times.

Il piano per non uscire da Schengen

Più di 60 mila arrivi a gennaio 2016 nelle isole dell’Egeo contro gli appena 1.600 di un anno fa

No comments

Write a comment
No Comments Yet! You can be first to comment this post!

Write a Comment